Coronavirus, Ue: situazione non cambia, anche per restrizioni viaggi

“La situazione non è cambiata rispetto alla scorsa settimana, il numero dei casi all’interno della Ue resta basso, abbiamo un solo decesso, e inoltre sappiamo che la situazione a livello degli Stati membri è piuttosto buona abbiamo un buon livello di preparazione”. Lo ha detto, Stefan de Keersmaecker portavoce della Commissione europea per la Salute pubblica, ricordando che “la scorsa settimana al Consiglio Salute gli Stati membri hanno chiesto uno stretto coordinamento per quanto riguarda le risposte da prendere” e che “la commissione segue la questione da vicino”.
Il portavoce ha poi precisato che “per quanto riguarda le restrizioni sui viaggi la situazione non è cambiata” e che “l’Oms e l’Ocse non hanno imposto o chiesto misure per i controlli alle frontiere e agli aeroporti” e che “la competenza resta agli Stati membri”.

Inoltre, al momento non c’è alcun motivo per bloccare le gite scolastiche, ad eccezione di quelle in Cina. Lo ha ribadito il commissario per l’emergenza Angelo Borrelli. “Per le gite scolastiche c’è una disposizione del ministero della Salute, poi ripresa dal ministero dell’Istruzione, che raccomanda di non andare in Cina. Ma per il resto del mondo – ha sottolineato- non ci sono difficoltà o problemi. Dunque noi ci
atteniamo a queste disposizioni”.

News Correlate