sabato, 19 Settembre 2020

Guide contro Franceschini: ci vuole in Slovenia. Mibact: falso e offensivo

Polemica tra le guide turistiche e il ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini. L’accusa arriva da Valentina Grandi, vicepresidente Federagit Confesercenti nazionale che, con una delegazione di guide turistiche, ha incontrato il ministro per chiedere misure del Governo che tutelino gli addetti del settore in Italia dagli effetti del regolamento europeo che liberalizza la professione mettendo a rischio, secondo le associazioni di categoria, migliaia di posti di lavoro.

“A fronte della nostra richiesta di riconoscimento della qualifica di guida turistica specializzata, il ministro ci ha risposto di andare ad esercitare la nostra professione in Slovenia” ha affermato Grandi.

Dal Mibact, però smentiscono: “Dire che il ministro abbia invitato le guide ad andare a lavorare in Slovenia è falso e offensivo”, replica il capo ufficio stampa di Franceschini, che era presente all’incontro. “Alla delegazioni delle guide il ministro ha spiegato l’impegno che da mesi il Mibact sta mettendo, in contatto continuo con le loro organizzazioni nazionali, per risolvere i problemi senza cadere in procedura d’infrazione per violazione delle norme comunitarie. Per questo è in corso di definizione con loro una lista di siti molto ampia e si stanno prevedendo norme stringenti sugli esami che comprendano come requisito la lingua italiana. Nel corso dell’incontro Franceschini ha semplicemente detto che in base alle regole europee come gli stranieri possono venire a esercitare la professione in Italia, così gli italiani possono esercitare la loro professione all’estero. Una constatazione non certo un invito”.    

News Correlate