venerdì, 28 Gennaio 2022

Solo mini ripresa dei consumi nel 2021, come pre-Covid nel 2023

La paura della pandemia cambia gli scenari e ostacola la corsa della ripresa dei consumi nel 2021. L’anno, secondo le ultime previsioni di Confcommercio infatti, si chiuderà con una crescita dei consumi del 5,1%, ancora il 7,3% in meno rispetto ai livelli del 2019 e con il completo ritorno ai livelli pre-pandemici non prima del 2023.

Il calo per alcuni settori come la filiera del turismo, della cultura e del tempo libero, è ancora a due cifre e il timore per una nuova frenata spinge le categorie a chiedere un nuovo, immediato, intervento del governo: “la ripresa per migliaia di imprese – come quelle del turismo – non è mai arrivata pienamente. In un contesto ancora così grave e allarmante chiediamo al Governo di procedere subito con i sostegni ai settori più colpiti, a cominciare dal rinnovo della cassa Covid e delle moratorie fiscali e creditizie”, afferma il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

Rispetto ad un anno fa, però, la situazione è ben diversa, visto che l’anno, secondo le previsioni di Confcommercio, si chiuderà con una crescita del pil del 6,1% e nel 2021 rispetto all’anno precedente tutti i settori hanno registrato crescite nette, a partire dal +19,2% per alberghi e ristoranti.

Rispetto invece al periodo pre pandemia i consumi degli italiani sono aumentati solo nei settori degli alimentari e bevande (2,6%), nelle comunicazioni (5,6%) e nelle spese per la casa (gas elettricità e combustibili 1,2). Tutti gli altri registrano un segno meno. Per alberghi e ristoranti la perdita dei consumi è del 29,2%, per i servizi culturali e ricreativi del 21,5%; per i trasporti il 16% e per l’abbigliamento e le calzature il 10,5%.

E a preoccupare ora è il prossimo futuro: secondo i risultati di un sondaggio realizzato da Confesercenti con Ipsos il 51% dei consumatori dichiara di evitare di servirsi di bar o ristoranti, o comunque di aver ridotto la frequentazione di pubblici esercizi e locali; il 32% ha rinunciato a fare un viaggio o ha disdetto una vacanza già prenotata e sempre il 32% ha evitato o ridotto gli acquisti nei negozi per timore degli assembramenti.

News Correlate