sabato, 26 Settembre 2020

Unitalsi pronto a ripetere il pellegrinaggio in Egitto sulle orme della Sacra Famiglia

Si è concluso in serenità e con auspici di nuove edizioni il primo pellegrinaggio sulle orme della Sacra famiglia organizzato fra Terra Santa ed Egitto dall’Unitalsi.

“Sicuramente ritorneremo. Spero presto”, ha detto Preziosa Terrinoni, presidente regionale per il Lazio dell’Unitalsi.  “Abbiamo trascorso quattro giorni nella serenità e abbiamo goduto delle bellezze che la vostra terra conserva”, ha premesso il delegato nazionale Unitalsi sintetizzando il pellegrinaggio organizzato per ripercorrere la “Fuga in Egitto” compiuta da Gesù Bambino, Maria e Giuseppe per sfuggire alla “strage degli innocenti” ordinata da Erode.

“Posso attestare che l’Egitto é un paese sicuro. Vale la pena visitarlo e vale la pena fare esperienza di un popolo generoso e accogliente”, ha detto dal canto suo Monsignor Lino Fumagalli, il vescovo di Viterbo che assieme a quello copto di Roma, Barnaba Soryany, ha guidato il pellegrinaggio.

“Mi auguro che a questo pellegrinaggio ne seguano altri”, ha detto fra l’altro Fumagalli.

Anche il capo dell’Autorità del turismo egiziana, Ahmed Yusuf, nel dare il benvenuto ai pellegrini “a nome del governo egiziano e del ministero del Turismo” del Cairo, ha detto: “speriamo di vedervi di nuovo”.

 

News Correlate