sabato, 26 Settembre 2020

A Cuba più turisti stranieri nel 2015

Il 2015 sarà un anno d’oro per il turismo a Cuba. Anche grazie al disgelo nei rapporti con gli Usa, l’isola caraibica ha già accolto tre milioni di turisti stranieri raggiungendo 45 giorni prima il traguardo raggiunto nel 2014.

Secondo il ministero del Turismo di Cuba, un tale aumento si è avuto grazie alla variabile situazione nel paese che ha reso più efficiente l’industria turistica, la qualità dei servizi e la promozione internazionale che l’isola ha svolto in tutto il mondo.

Ma ci sono anche cifre e segnali che confermano “l’influsso” positivo del “disgelo” tra Cuba e gli Stati Uniti. In particolare, con il disgelo, secondo il Mintur, Cuba beneficerebbe delle 140 crociere che operano settimanalmente nell’area dei Caraibi, il principale mercato di viaggiatori statunitensi. Le previsioni fatte prima del “disgelo” sull’impatto dei possibili arrivi di turisti statunitensi a Cuba, dicono che un milione di americani potrebbe visitare il paese durante il primo anno successivo all’eliminazione dell’embargo. Altre affermano che Cuba arriverà, senza restrizioni, a raddoppiare il numero di turisti internazionali che accoglie ogni anno, vale a dire, 6 milioni di turisti.

Il numero di statunitensi che viaggia a Cuba in modo illegale o evadendo l’embargo sembra confermare i vaticini più audaci perché, a dispetto delle minacce di multe e perfino di prigionia, cresce sempre, ogni giorno di più, questo numero. I dati stimati non ufficiali in entrambi i paesi indicano che circa 52 mila ‘yankees’ sono giunti sull’isola solo nei primi sei mesi del 2015 e che probabilmente saranno oltre 150 mila entro la fine di quest’anno.

News Correlate