domenica, 25 Ottobre 2020

Concluso il roadshow italiano delle Isole Cook

Con la tappa fiorentina di mercoledì 1 febbraio si è chiuso il Mini Expo Roadshow che, dopo la Spagna, ha attraversato 7 città italiane (Milano, Bergamo, Bologna, Udine, Roma, Napoli e Firenze appunto) allo scopo di promuovere le Isole Cook. 

Focus del 2017 è la formazione e l’evento b2b rientra in questa strategia, insieme al Fam Trip, in programma nel corso del prossimo Aprile, premio per i migliori banconisti italiani, sempre organizzato in collaborazione con i TO specialisti della destinazione.

Il tour ha permesso l’incontro tra l’Ente del Turismo, alc uni dei principali tour operator italiani interessati ed impegnati a promuovere le destinazioni del Pacifico – Hotelplan, Go Australia, Cividin, Abaco Viaggi, Alidays, I Viaggi del Delfino, Naar e Tinky Winky – 610 agenti di viaggio, 47 giornalisti e 120 honey-mooners.

Gli agenti italiani, altamente entusiasti e motivati, hanno assistito alla presentazione della destinazione realizzata a cura di Nick Costantini, GM Southern Europe per Cook Islands Tourism Corporation, Jacopo Dozzo del Dmc locale Turama e Sabrina Nicolosi, rappresentante Air New Zealand in Italia.

“Il roadshow ha raggiunto ottimi obiettivi in termini di sensibilizzazione sia per i media che per il trade italiano – ha affermato Nick Costantini –sono felice di aver avuto Air New Zealand quale partner principale e credo che tutti gli agenti siano rimasti positivamente impressionati dall’offerta dalla compagnia, inclusi i nuovi servizi Dreamliner e sky-couch che ritengo essere l’ideale per gli italiani che volano sul lungo raggio”.

La Polinesia neozelandese ha vissuto un 2016 brillante ed il secondo semestre ha registrato una crescita dei passeggeri italiani del 10%. In questo quadro, anche le compagnie aeree hanno un ruolo strategico: l’introduzione sulla tratta Los Angeles/Rarotonga di un nuovo e più capiente aeromobile – B777-200ER – attivo da inizio dicembre 2 016, ha aumentato la capacità del 30% per il mercato europeo e consentito una migliore qualità del servizio con una conseguente maggiore cooperazione tra Air NZ e l’Ente Turistico delle Isole Cook.

Valore aggiunto di questa prima joint-venture sinergica in Europa è stata l’opportunità di mostrare ad alcuni fortunati gioiellieri, designers e distributori locali un’insolita ed unica esposizione di perle nere ‘Avaiki’, souvenir più caratteristico e di pregio di questo Little Paradise, fornite da Nyami, boutique designer di gioielli italiano che ha lanciato una collezione dedicata alle Cooks, e dalla CIPA, l’Autorità governativa delle Isole Cook che si occupa di commerciare le perle principalmente in Australia, USA e Nuova Zelanda.  

News Correlate