sabato, 26 Settembre 2020

Federalberghi: sì a intervalli ridotti per contratti a termine

Raggiunto l’accordo con i sindacati. Bocca: porterà più occupazione e più produttività

Federalberghi, unitamente alle altre organizzazioni imprenditoriali del turismo, ha raggiunto oggi un accordo con le organizzazioni sindacali dei lavoratori Filcams/Cgil, Fisascat/Cisl e Uiltucs/Uil sulla riduzione dei termini previsti dalla legge per la successione di due contratti a termine.
L'intesa, riconoscendo il carattere strutturalmente irregolare e discontinuo della domanda di servizi turistici e l'esigenza di preservare il capitale di professionalità costituito dai lavoratori assunti a tempo determinato, prevede che i termini ridotti previsti dalla riforma Fornero per la successione di due contratti a termine (20 o 30 giorni) trovino applicazione per tutti i contratti a tempo determinato stipulati ai sensi del CCNL Turismo.
"L'accordo – afferma il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca – va nel senso da noi auspicato, permettendo alla contrattazione la capacità di individuare soluzioni valide per i problemi del settore e garantendo più occupazione e maggiore produttività al settore, pur in una congiuntura estremamente difficile".

News Correlate