sabato, 19 Giugno 2021

Conferenza nazionale: Marzano, ci vuole comitato di coordinamento

Difficilmente le indicazioni emerse a Lamezia troveranno spazio nella Finanziaria

Una notizia positiva e una negativa. La Conferenza nazionale sul turismo di Lamezia Terme si è chiusa con l’annuncio dell’istituzione di un tavolo di coordinamento per risolvere i problemi del settore, ma anche con la franca ammissione del Ministro sul fatto che difficilmente le indicazioni emerse dalla conferenza verranno inserite nella Finanziaria.
La buona notizia riguarda dunque l’istituzione del Comitato per il coordinamento degli interventi statali che hanno riflessi sul turismo e di raccordo con le regioni e le autonomie locali. Nessuna certezza invece sul fronte delle richieste degli imprenditori per alleggerire il carico fiscale sul comparto. “Si dovrà discuterne – ha detto Marzano riferendosi al consiglio dei ministri di domani – ma i limiti sono stretti”. Per quanto riguarda l’iniziativa voluta dal ministro per coordinare le politiche in favore del turismo, Marzano ha detto che “sarà un tavolo dove definire bene i diversi ruoli rispettivi, e capire quello che può fare meglio il governo centrale e quello che possono fare meglio gli enti locali”. Il turismo “non è – ha spiegato ancora una volta il responsabile delle Attività produttive – un problema isolato dal contesto della società e dell’economia. E’ un settore sul
quale gravitano anche altri settori importanti che se sono deficitari nel loro contributo mettono a rischio anche quello del turismo”. Marzano ha ricordato che “c’è il settore delle infrastrutture, quello della sanità, quello dell’informatica e della legalità ma, anche, quello della politica dei beni
culturali. Anche questo dimostra – ha detto il ministro – che bisogna unire le forze perché se si fanno solo interventi specifici su piccole cose del turismo e si trascurano le altre, il turismo non va avanti”. Sull’esito della Prima Conferenza del turismo italiano una riflessione: “una conferenza non risolve i problemi che sono sul tappeto, però, senza riflettere sui problemi questi poi non
si risolvono”.

News Correlate