mercoledì, 20 Gennaio 2021

Costa Crociere, fatturato e utile in crescita nel 2002

Il gruppo si conferma leader in Italia e in Europa

Si è riunito ieri il Consiglio di Amministrazione di Costa Crociere S.p.A., nel corso del quale è stata deliberata l’approvazione del progetto di bilancio relativo all’esercizio 1 dicembre 2001 / 30 novembre 2002, che sarà sottoposto all’approvazione della Assemblea Ordinaria degli Azionisti indetta in prima convocazione per il 24 marzo 2003. I risultati del periodo confermano il rafforzamento di Costa Crociere che consolida la sua posizione di leader in Europa . Il fatturato consolidato è stato di 733,2 milioni di euro (+ 3,7%) mentre l ‘utile netto consolidato è stato di 134,9 milioni di euro, con una crescita rispetto all ‘esercizio precedente del 19,8%. Il tasso di occupazione delle navi, pari al 103,3% risulta in linea con quello dello scorso anno. Il numero dei passeggeri/giorno è passato da circa 3,3 milioni ad oltre 3,6 milioni (+7,2%), mentre gli Ospiti totali/anno sono aumentati del 3,2% superando le 462.000 unità. “Costa Crociere chiude l’ esercizio 2002 con un risultato decisamente superiore alle aspettative di inizio anno. Infatti l’esercizio, che è stato caratterizzato da un inizio particolarmente critico a causa dei fatti del 11 settembre 2001, si è riportato su buoni livelli di redditività a partire dai mesi primaverili e soprattutto estivi – ha commentato Pier Luigi Foschi, Presidente e Amministratore Delegato di Costa Crociere – Il fatturato, escludendo la componente voli, è cresciuto in linea con la maggiore offerta “. La Società continua il programma di ampliamento della flotta con l’entrata in servizio a giugno di quest’anno di Costa Mediterranea (86.000 tonnellate di stazza, una capacità di 2114 passeggeri in letti bassi) ed a fine anno di Costa Fortuna, la prima delle due navi da 105.000 tonnellate di stazza, con capacità di 2.720 passeggeri in letti bassi, commissionate alla Fincantieri di Genova Sestri, cui seguirà la gemella Costa Magica. “Nonostante il 2003 si sia aperto nel segno dell’incertezza a causa della situazione internazionale poco favorevole al turismo, siamo convinti che la domanda delle crociere continuerà a crescere e che Costa Crociere, grazie al suo prodotto qualitativamente molto elevato, sia ben posizionata per coglierne tutte le opportunità”– ha aggiunto P.L. Foschi. Il Consiglio di Amministrazione ha infine stabilito di convocare l’Assemblea Straordinaria degli Azionisti per il 24 marzo 2003 per deliberare in merito ad un ulteriore rafforzamento patrimoniale della Società, attraverso un aumento di capitale sociale, da offrire in opzione agli azionisti, per un totale di 250 milioni di euro, a sostegno del piano di ampliamento della flotta sopra illustrato.

News Correlate