venerdì, 18 Giugno 2021

“Fotografia” Uic sull’incoming

Oltrefrontiera gli italiani hanno speso il 12,7% in più

Segna ancora rosso il bilancio di agosto 2002 del turismo straniero in Italia anche se la
situazione tende a migliorare: secondo quanto calcolato dall’Ufficio italiano cambi i ricavi valutari dovuti all’ incoming sono infatti diminuiti dell’1,8%, attestandosi a 3.691 milioni
di euro, rispetto all’agosto del 2001. Il totale dei ricavi valutari persi dall’Italia, negli otto
mesi da gennaio ad agosto, è stata invece del 7%, passando da 21.149 a 19.678 milioni di euro. Una percentuale, quella del 7%, che ridimensiona ‘il danno’ valutario subito dall’Italia nel
corso del primo semestre 2002, quando la perdita si attestava all’11%. La bilancia dei pagamenti turistica (saldo tra entrate ed uscite valutarie) ha presentato, per il solo mese di agosto
2002, un saldo netto positivo di 704 milioni di euro, a fronte di uno di 1.109 milioni di euro nello stesso mese dell’anno precedente. Il peggioramento del saldo è dovuto soprattutto
all’aumento delle spese dei viaggiatori italiani all’estero (2.987 milioni di euro, + 12,7% rispetto all’agosto 2001). Se si considera il periodo che va da gennaio ad agosto 2002 la spesa degli italiani all’estero (12.631 milioni di euro) è aumentata del 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. La spesa giornaliera pro-capite degli stranieri in Italia, nel periodo da gennaio ad agosto 2002, è stata di 77 euro.

News Correlate