Grecia, aumentate le misure di sicurezza negli aeroporti

Acquistati 21 “detector” per fiutare l’esplosivo nei bagagli

Le autorità greche hanno deciso di incrementare le misure di sicurezza negli aeroporti del Paese in previsione di un’eventuale guerra contro l’Iraq, dotandosi tra l’altro di apparecchiature per l’individuazione di esplosivi. Tali misure ”immediate” sono state discusse ieri in seno alla Commissione nazionale per la sicurezza dell’aviazione civile. Le discussioni hanno riguardato tra l’altro l’acquisto di 21 ‘detector’ di sostanze esplosive nei bagagli, l’intensificazione dei controlli di polizia negli aeroporti e l’aumento del personale addetto a tali funzioni. A fine febbraio, una prima riunione della Commissione aveva deciso alcune misure per il rafforzamento della sicurezza
aeroportuale, ”in caso di gravi incidenti a livello nazionale o internazionale”. Erano stati rafforzati i controlli di persone e veicoli negli scali; istituite pattuglie sulle strade, nei parcheggi e negli alberghi vicini; disposte perquisizioni degli aerei prima della partenza e la loro protezione.

News Correlate