lunedì, 30 Novembre 2020

Japanitaly, il giapponese preferisce scegliere da sé dove mangiare

Su 800 mila turisti solo il 3,73% ha seguito le indicazioni dell’agenzia di viaggio

La ristorazione italiana per i turisti giapponesi e’ stata nel ‘mirino’ della Japanitaly.com – societa’ di marketing e comunicazione che promuove l’offerta
turistica italiana nel mercato giapponese – che ha condotto una ricerca nel mese di ottobre 2004 per rilevare le valutazioni e le aspettative dei turisti giapponesi in merito alla ristorazione in Italia. Entro la fine dell’anno saranno circa 800 mila i turisti giapponesi in arrivo in Italia, e i primi consuntivi a partire dalla scelta del locale dichiarano la maggioranza sceglie da se’ il locale in cui mangiare mentre solo il 3.7% ha seguito il pacchetto proposto dall’agenzia. Sulle unita’ riscontrate si e’ calcolata una spesa giornaliera pro-capite pari a 570 euro (secondo i dati dell’ Unioncamere)a
persona, e di questa cifra una buona fetta viene spesa per la ristorazione: il 62% dei Giapponesi ha raccolto le informazioni, prima di partire dal Sol Levante, sul dove assaporare la tradizionale cucina italiana. Nel 66% dei casi, invece, sono state le guide, o il passaparola prima della partenza, se non la
sorte, a guidare i turisti giapponesi nella scelta del locale. Tutti sembrano comunque molto interessati all’enogastronomia italiana, anche dal momento che in Giappone ci sono oltre 5 mila locali italiani tra ristoranti, spaghetterie e pizzerie.

News Correlate