Lombardia, più stranieri che nella media italiana

Elaborazione della Camera di Commercio sui dati Unioncamere-Isnart

Anche per l’estate 2006 la Lombardia si conferma una delle mete preferite del turismo, soprattutto
straniero. Secondo le previsioni della Camera di Commercio di Milano, le camere prenotate nelle strutture della regione, sono in media, il 69,6% contro il 68,7% del dato italiano. E la presenza straniera si aggira sul 30,5% rispetto al 28,7% nazionale. “La Lombardia – sostiene in una nota la Camera di Commercio milanese che ha elaborato i dati di un’indagine Unioncamere-Isnart – è un realtà per 931mila turisti, il 4,3% dei vacanzieri italiani che resteranno nel Belpaese”. Le mete preferite sono la provincia di Brescia (scelta da un turista su quattro), quelle di Sondrio (uno su cinque) e Bergamo. Quindi montagne e laghi si posizionano ai primi posti nelle preferenze dei visitatori mentre le città d’arte soffrono una frenata delle presenze, specialmente nei mesi più caldi. Milano rimane comunque meta di un turista su dieci fra coloro che soggiornano in Lombardia. “La Lombardia – commenta Renato Borghi, presidente dell’Osservatorio Turismo della Camera di Commercio del capoluogo lombardo – dopo essere stata tra le mete più scelte per le vacanze d’inverno, conferma buone performance anche nel periodo estivo. Diventa quindi importante anche per l’industria del tempo libero puntare sulla formazione delle risorse umane e la capacità organizzativa”.

News Correlate