domenica, 29 Novembre 2020

Negli Usa impazza la moda dei viaggi per nudisti

Dagli aerei alle crociere, dai campeggi ai raduni di auto storiche

Nudi alla meta. Sembra essere questa la moda dell’estate 2003 negli Stati Uniti. Sempre più americani, infatti si spogliano e partono per le vacanze. Viaggiare senza vestiti su aerei e navi da crociera è diventato sempre più facile nella estate americana mentre le attività ricreative riservate ai nudisti continuano a moltiplicarsi: dai raduni di auto d’epoca ai tornei di golf. Il turismo senza vestiti è diventato un mercato da oltre 400
milioni di dollari l’anno negli Stati Uniti (raddoppiando le dimensioni nel giro di dieci anni) nel fiorire di villaggi, condominii, campeggi e centri di vacanza sempre più elaborati. I vestiti stanno diventando sempre più opzionali nei viaggi estivi. Il successo in maggio del primo volo per nudisti, tra Miami e la cittadina balneare messicana di Cancun, organizzato dalla agenzia di viaggi texana Castaways Travel ha rotto una barriera psicologica. I voli per nudisti, dove le hostess restano comunque vestite ed evitano di servire beveraggi ad alta temperatura, si vanno adesso estendendo ad altre destinazioni, come la Giamaica, uno dei paradisi dei membri della AANR, la American Association for Nude Recreation. Le crociere senza abiti sono già un rito consolidato, con oltre duemila viaggiatori a bordo della navi della Carnival Cruise Lines, per viaggi in località esotiche e assolate organizzati da agenzie come ‘Bare Necessities’, una leader nel settore. I passeggeri devono indossare i vestiti solo quando la nave giunge nei porti o durante i pasti. Gli equipaggi delle imbarcazioni da crociera possono, se il loro incarico lo consente, scegliere l’ opzione di restare nudi. Meno pratico è spostarsi in macchina senza vestiti. Non mancano però in diverse località americane raduni di auto d’epoca riservate ai nudisti, come quello organizzato ogni anno a Cambridge (Wisconsin). Il Nude Car Show è patrocinato da una decina di anni dal Valley View Nudist Recreation Club.
La presenza di vacanzieri nudi può causare problemi alla circolazione stradale come accadeva da tempo a Palm Springs, in California, dove gli ospiti di un centro per nudisti dovevano attraversare una autostrada per recarsi da una parte all’altra del ‘Desert Shows’, un villaggio stile Mediterraneo comprendente un hotel, una sessantina di ville e 17 blocchi di appartamenti. Per evitare le brusche frenate degli automobilisti, sorpresi dalle improvvise apparizioni, è stato inaugurato un cavalcavia pedonale, riservato ai nudisti, protetto da schermi che nascondono i naturisti alla vista dei guidatori. Attivi anche i campeggi estivi per giovani nudisti, dove i ragazzi sono impegnati nelle attività comuni, dai tornei di pallavolo ai bagni negli specchi d’acqua, senza indossare alcun indumento. Il più famoso è quello di Lake Como (in Florida) finito al centro di polemiche, nelle ultime settimane, per la denuncia di un deputato repubblicano che sostiene che ”lasciare a giocare insieme i ragazzi nudi è immorale e potenzialmente pericoloso”. Altri campi estivi per adolescenti svolgono la loro attività in Arizona e in Virginia, senza polemiche. Da notare che il 92 per cento dei membri dell’AANR ha più di 35 anni. Gli uomini sono in marcata prevalenza: circa il 60 per cento del totale degli aderenti.

News Correlate