mercoledì, 21 Aprile 2021

Trasporto aereo: Aduc, aumenti opportunistici e inopportuni

Chiesto l’intervento dell’Antitrust contro il caro-biglietti

”Provvedimenti opportunistici e
inopportuni”. L’Adoc, denuncia cosi’ l’ennesimo aumento, per via della crescita del prezzo dei carburanti, da
parte di alcune compagnie aeree.
”Aumentare le tariffe aeree in questo momento – commenta il
presidente dell’Adoc Carlo Pileri in una nota – appare come una
punizione per coloro che devono partire. Agli occhi dei
consumatori risulta del tutto ingiustificato, dato che non
risulta sia mai successo che le compagnie abbiano abbassato i
prezzi dopo un periodo di calo del prezzo del petrolio”.
A far traboccare il vaso e’ stata la decisione di Alitalia di
non toccare il prezzo dei biglietti, ma il sovrapprezzo per il
carburante di ben 5 euro.
”L’Antitrust – continua Pileri – aveva denunciato gia’ a
maggio la poca chiarezza delle tariffe aeree e la scarsa
concorrenza del settore. A questo punto crediamo sia
irrimandabile l’avvio di un’indagine sui costi e i prezzi nel
settore del trasporto aereo, mettendo sotto la lente
d’ingrandimento anche i servizi aeroportuali che fanno leva, per
recuperare bilanci non buoni, sulla obbligatorieta’ delle
tariffe d’imbarco e il monopolio di fatto dei servizi alle
compagnie. Il tutto, senza alcun controllo da parte dei
passeggeri. In Italia – conclude Pileri – abbiamo le tra le
tariffe interne piu’ alte rispetto agli altri Paesi europei:
questo ulteriore balzello, applicato presto dalle altre
compagnie, finisce per far ricadere ancora una volta sulle
tasche dei consumatori scelte gestionali discutibili da parte
delle compagnie che applicano i prezzi piu’ alti”.

News Correlate