sabato, 17 Aprile 2021

Trasporto aereo, gli Usa vogliono lista passeggeri anche solo per sorvolo

Dopo il caso dell’aereo KLM, vita sempre più difficile per le compagnie aeree

Il governo americano sta valutando la possibilita’ di ordinare alle compagnie aeree straniere di fornire l’elenco dei passeggeri a bordo anche in caso di semplice sorvolo del territorio degli Stati Uniti, per confrontare i nomi con le ‘liste nere’ dell’antiterrorismo. Lo ha reso noto l’agenzia federale per la sicurezza dei voli(Tsa) citata dal Washington Post.
”Stiamo valutando – ha detto Yolanda Clark, della Tsa, – una misura che richiederebbe alle compagnie straniere di sottoporre le loro liste passeggeri al confronto con le nostre liste ‘no- fly’ e ‘selectee’ per i sorvoli”. La prima e’ la banca dati segreta con i nomi dei terroristi o presunti tali che l’intelligence ritiene pericolosi per gli Usa, la seconda e’ un elenco di personaggi che potrebbero costituire un pericolo. Nel caso le compagnie rifiutino di fornire le liste, secondo il piano allo studio a Washington, sara’ loro vietato il sorvolo e se dopo il volo emergesse la presenza a bordo di persone sospette, l’aereo dovra’ tenersi lontano dal territorio americano. Il rafforzamento delle misure di sicurezza e’ legato a un
allarme scattato nei giorni scorsi. L’8 aprile un aereo della compagnia Klm, decollato da Amsterdam e diretto a Citta’ del Messico, fu rimandato in Europa dagli Usa dopo che era emersa – su segnalazione messicana – la presenza a bordo di due sauditi che risultano aver preso lezioni di volo in passato negli Usa
con uno dei protagonisti dell’attacco dell’11 settembre 2001. L’episodio ha fatto scattare l’allarme nei servizi antiterrorismo americani e ha spinto a rendere piu’ severe le regole per il sorvolo.

News Correlate