martedì, 29 Settembre 2020

Sui treni AV resta riempimento al 50%, critiche da Italo

Non cambiano, almeno per ora, le regole per l’occupazione dei posti sui treni ad Alta Velocità. E’ quanto si apprende da fonti del Comitato tecnico scientifico dopo l’incontro con i rappresentanti di Italo che avevano chiesto di valutare una deroga che consentisse una capacità di occupazione dei posti superiore all’attuale 50%. Gli esperti hanno preso atto della richiesta e analizzeranno i documenti in un’altra seduta del Cts, ribadendo la necessità che vengano fornite soluzioni organizzative idonee. Per il momento dunque, ribadiscono gli esperti, le regole per l’Alta velocità restano quelle in vigore

Ma l’ad di Italo, Gianbattista La Rocca, non ci sta e sottolinea che il rinvio ipotizzato sul riempimento dei posti nei treni ad Alta Velocita “potrebbe portare gravi conseguenze all’occupazione ma anche al mercato e alla concorrenza”. “Oggi, come tutti sanno, nonostante misure accuratissime che solo l’alta velocità applica, viaggiamo con un riempimento massimo del 50% – ha ricordato La Rocca – mentre tutti gli altri mezzi di trasporto del Paese, metro, bus, treni regionali, sono autorizzati ad arrivare all’80%. Per non parlare degli aerei che viaggiano da mesi senza alcuna restrizione”. Secondo Rocca si tratta di una situazione “che non ha eguali in tutta Europa dove si viaggia quasi ovunque con un’occupazione totale dei posti” .

News Correlate