martedì, 22 Giugno 2021

Cdm approva il regolamento del ministero Turismo

Il consiglio dei ministri, su proposta del ministro del Turismo Massimo Garavaglia, ha approvato un regolamento, da adottarsi mediante decreto del presidente del consiglio dei ministri, che disciplina l’organizzazione del Ministero del turismo, degli Uffici di diretta collaborazione e dell’Organismo indipendente di valutazione della performance.

Il provvedimento dà concreta attuazione al modello di organizzazione amministrativa disposto con il decreto-legge 1° marzo 2021, n. 22, che ha istituito il Ministero, e prevede un Segretariato generale, tre direzioni generali (Affari generali e risorse umane; Programmazione e politiche per il turismo; Valorizzazione e della promozione turistica), quattro Uffici di diretta collaborazione del Ministro del turismo (Ufficio di Gabinetto; Ufficio legislativo; Segreteria del Ministro; Ufficio stampa), nonché le Segreterie dei Sottosegretari di Stato. Il personale assegnato ai citati Uffici non potrà superare le 60 unità.

È facoltà del ministro la nomina di un consigliere diplomatico. Il testo prevede che l’Organismo indipendente di valutazione della performance, costituito in forma monocratica o collegiale, svolga, in piena autonomia e indipendenza, le funzioni di cui all’articolo 14 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, raccordandosi, per la raccolta dei dati, con la Direzione generale degli affari generali e delle risorse umane. Infine, si individuano gli Organismi che operano e hanno sede nell’ambito del Ministero, il quale ne supporta le rispettive attività. Si tratta del Comitato permanente di promozione del turismo in Italia, previsto dall’articolo 58 del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79, e del Centro per la promozione del Codice mondiale di etica del turismo.

News Correlate