martedì, 25 Giugno 2024

Dal MiTur 230 milioni per gli impianti di risalita per il 2024

Dal Ministero del Turismo arrivano ulteriori 230 milioni di euro per gli impianti di risalita: è stato pubblicato infatti l’avviso per l’anno 2024. Le risorse sono destinate a sostenere interventi di ristrutturazione, ammodernamento e manutenzione degli impianti di risalita a fune e di innevamento artificiale al fine di promuovere l’attrattività turistica e incentivare i flussi turistici e la destagionalizzazione nei luoghi montani e nei comprensori sciistici. Inoltre, un finanziamento da 5 milioni di euro viene riservato per la ricostruzione della funivia del Mottarone, in seguito all’incidente del 23 maggio 2021, come previsto dal protocollo d’intesa siglato tra Ministero del Turismo, Regione Piemonte e Comune di Stresa.

La domanda di accesso alle agevolazioni del bando può essere presentata da quelle imprese impegnate, anche in maniera secondaria, nello svolgimento di attività riferita ai codici Ateco: 49.39.01 (gestione di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o suburbano); 93.11.30 (gestione di impianti sportivi polivalenti); 93.11.90 (gestione di altri impianti sportivi n.c.a.). La domanda potrà essere trasmessa, a partire dalle ore 12:00 del 24 giugno 2024 alle ore 12:00 del 27 settembre 2024, sull’apposita piattaforma informatica che sarà accessibile tramite Spid/Cie dal sito istituzionale del ministero del Turismo cliccando qui.

Ciascun programma di investimento deve avere un importo minimo di 300 mila euro e il contributo massimo concedibile al singolo beneficiario è pari a 10 milioni di euro su più anni.

“La misura del ministero del Turismo – commenta la ministra del Turismo Daniela Santanchè – si colloca in una più ampia strategia di azioni senza precedenti: nessun governo ha mai attenzionato il turismo e la montagna italiana come stiamo facendo noi, prevedendo addirittura un fondo dedicato in legge di bilancio. Il nostro sostegno mira a programmare e gestire un settore di vitale importanza, sia per i mesi invernali che per la destagionalizzazione, e che ha bisogno di progredire attraverso un processo di rinnovamento alimentato da risorse volte a favorirne una crescita sostenibile dal punto di vista ambientale, economico, sociale e culturale”.

Clicca qui per leggere il testo completo dell’avviso.

News Correlate