mercoledì, 20 Gennaio 2021

Sailsquare, il lavoro dei sogni assegnato ad una globetrotter francese

É Alyzée Joy Montana Eloi, 26 anni, ad aver conquistato la posizione lavorativa più ambita del mondo: con il ruolo di Media Crew, salirà a bordo di barche a vela in tutti i mari del globo per raccontare le esperienze pubblicate sulla piattaforma Sailsquare.

Una posizione lavorativa, con contratto a tempo indeterminato, che è diventata un vero e proprio caso mediatico: dal momento della sua pubblicazione (luglio 2017) l’offerta ha fatto il giro del mondo su giornali, blog e TV. Più di 3.000 candidature sono arrivate in un mese per quello che è stato definito dalla stampa e dalla televisione ‘il lavoro dei sogni’.

Alyzée doveva fare qualcosa fuori dagli schemi per ottenere il posto, e così ha fatto. Anziché mandare un CV, come fanno in molti, ha coinvolto i bagnanti di un’intera spiaggia nel suo video-progetto di self-promotion inviato poi alla startup come candidatura per la posizione, insieme ad una vera e propria ancora fatta recapitare negli uffici di Sailsquare.

Come ha affermato Riccardo Boatti, CMO e fondatore di Sailsquare, “non siamo noi ad aver scelto Alyzée, è lei che ci ha reso impossibile scegliere qualcun altro”.

Alyzée sarà la voce narrante delle esperienze pubblicate su Sailsquare. Foto, video, diari di viaggio e interviste agli equipaggi saranno alcuni degli strumenti con i quali Alyzée racconterà emozioni e avventure delle vacanze in barca a vela disponibili sul marketplace.

Il primo viaggio di Alyzée, su un catamarano a Cuba, si è appena concluso: ora la aspettano nuove avventure tra Mediterraneo, Caraibi, Sud-Est Asiatico. Tra un viaggio e l’altro, qualche settimana negli uffici di Milano o Parigi, a montare i video girati, selezionare le foto, raccontare le sue avventure sui social network e sul blog aziendale, ma con la valigia sempre pronta.

“Quando ho visto l’offerta di Sailsquare, ho subito pensato che fosse perfetta per me, l’opportunità che stavo cercando per rendere la mia passione per i viaggi il mio lavoro. Ma per ottenerlo non bastava una normale candidatura: doveva essere straordinaria”, ricorda Alyzée.

News Correlate