giovedì, 29 Ottobre 2020

Con True Places alla scoperta dei luoghi ‘speciali’ dell’Italia

True Places è l’app gratuita per IOS e Android che soddisfa la curiosità del moderno viaggiatore individuando attrazioni culturali, botteghe, piccoli ristoranti dove trovare le eccellenze locali, agriturismi, scorci paesaggistici e molto altro che possa rendere speciale un viaggio. 

Progettata da True Place Italy in collaborazione con esperti tour operator per soddisfare anche il viaggiatore più esigente, la caratteristica della nuova applicazione è nell’idea di non concentrare le segnalazioni su un unico territorio/città ma, scelto il punto di partenza e di arrivo, proporre delle tappe lungo il percorso.

Luoghi di eccellenza e particolare rilievo e posti insoliti da scoprire, individuati dalla redazione o suggeriti dalla community di TruePlacer. Una community, di cui tutti possono entrare a far parte diventando ‘Ambasciatori del proprio territorio’, che contribuisce ogni giorno ad arricchire le esperienze proposte. Si può segnalare un luogo, un hotel, un ristorante, un B&B, o qualsiasi altra realtà interessante e utile per chi viaggia. Dal Piemonte alla Puglia, dal Trentino alla Sicilia passando per Lazio, Umbria e Abruzzo, l’app permette di creare percorsi suggestivi in tutta Italia.“Il nostro obiettivo è creare una vera community che ruota intorno all’app, un vero e proprio passaparola alla scoperta dei luoghi più incredibili d’Italia: gli utenti invieranno i loro suggerimenti alla redazione in forma semplice, come se dovessero raccontare ad un amico una bella esperienza”, spiega Michelle Fabbri, co-fondatrice della startup True Places Italy. 

Tutti possono diventare TruePlacer segnalando dal proprio smartphone i luoghi dell’Italia meno conosciuta, candidandoli a diventare POI (Point Of Interest).

Per inviare il proprio contributo basta scaricare l’app, aprire la sezione ‘Suggerisci’ e compilare tutti i campi non dimenticando di allegare 3 foto emozionali del luogo di interesse.
La segnalazione sarà trasmessa alla redazione che valuterà ogni singolo contributo degli utenti e deciderà se inserirlo come contenuto dell’app. Per ogni segnalazione pubblicata la startup modenese riconosce al TruePlacer un piccolo rimborso monetario.  

News Correlate