Venezia, 150 visitatori l’ora per Basilica di San Marco

La Basilica di San Marco a Venezia riapre al pubblico con ingresso contingentato a 150 visitatori l’ora e con un percorso obbligato. I turisti dovranno effettuare una sorta di percorso circolare che li porta a vedere il gioiello architettonico in marmi e mosaici tutto dall’alto, sui ballatoi. Si può poi passeggiare lungo i ballatoi interni (i matronei) per vedere l’altare e il coro dall’alto e sfiorare l’imponenza delle cupole. Quindi si passa all’esterno sulle grandi terrazze, che abbracciano la Basilica e che offrono un panorama sulla Piazza e sulla laguna. Il tour si chiude scendendo per le erte scalette di marmo con uscita da un’altro portale.
Per i fedeli, la Basilica non è mai stata chiusa, con ingresso dalla Porta dei Fiori nella piazzetta dei Leoncini, e ora per le messe a ‘numero chiuso’. Aperto, già dal 2 giugno, il vicino Campanile di San Marco con la loggetta del Sansovino. Anche qui ingressi contingentati: 4 visitatori alla volta rispetto ai 12 della normalità.
“Fino ad oggi – dice Carlo Alberto Tesserin, Procuratore di San Marco – la Basilica non ha avuto un gran afflusso di visitatori ma il fatto è presto spiegato: ci sono pochi turisti. La vera preoccupazione resta ora l’acqua alta, dopo gli ultimi interventi di restauro ad alcuni basamenti, marmi e tessere della pavimentazione, proprio per poter riaprire. Dopo il disastro del novembre scorso, anche in questi giorni di giugno, del tutta inattesa, la marea ha colpito la Basilica. Bisogna agire – esorta Tesserin – ci sono 2 ipotesi, su cui deve decidere il commissario per il Mose Elisabetta Spitz, per mettere in sicurezza la Basilica”.

News Correlate