domenica, 20 Settembre 2020

Successo per edizione 2013 di ‘A piedi tra le Nuvole’

L’11^ edizione ha contribuito a riduzione emissioni CO2 con utilizzo delle navette

A fine agosto si è conclusa la manifestazione ‘A piedi tra le Nuvole’, appuntamento estivo dedicato alla mobilità sostenibile che prevede la chiusura domenicale dei 6 km di strada che portano al colle del Nivolet, nel Parco Nazionale Gran Paradiso. L’iniziativa, nata nel 2003 grazie al protocollo di intesa promosso da Ente Parco, Provincia di Torino, Regione Valle d’Aosta con i comuni di Ceresole Reale e Valsavarenche, ha visto quest’anno il coinvolgimento del vallone di Piantonetto, nel Comune di Locana, con la messa a disposizione di due navette per raggiungere il rifugio Pontese nei sabati di luglio e agosto.
4.782 biglietti delle navette venduti per un risparmio di 3 tonnellate di CO2. Numeri che si traducono non solo in una maggiore tutela dell’ambiente, ma anche in salute per tutti. Il servizio di noleggio bici promosso dal Parco presso il Camping Villa di Ceresole Reale ha visto un incremento rispetto all’anno precedente, con quasi 1.000 fruitori tra luglio e agosto. Inoltre, i portabiciclette posizionati su alcune delle navette per il Nivolet hanno permesso a 33 ciclisti di usufruire del servizio nelle 8 domeniche estive.
Sempre dalle statistiche si evidenzia che il Parco si conferma destinazione perfetta per le famiglie (61%), ma si registra un deciso apprezzamento anche da parte di un pubblico più giovane, che si sposta con gli amici (35%). La bontà del progetto e il suo gradimento sono confermati dal dato più importante: oltre il 71% degli intervistati ritiene che la manifestazione vada ripetuta e, inoltre, il 24% si augura che l’orario del servizio di navette venga esteso.
“A piedi tra le Nuvole rappresenta una delle iniziative di maggior successo per l’Ente Parco, proprio grazie al fatto che è riuscita nell’intento di garantire gli aspetti di tutela del paesaggio, insieme alla regolamentazione del traffico ed a quelli di fruizione, con il rilancio dell’area del Nivolet basato su proposte ed attività turistiche di qualità. I dati relativi alla riduzione di CO2 e le presenze dei turisti alle iniziative confermano la validità dell’iniziativa e l’attenzione dell’Ente nella promozione di uno sviluppo veramente sostenibile”, commenta soddisfatto Italo Cerise, presidente del Parco.

 

News Correlate