mercoledì, 2 Dicembre 2020

Porta Susa vuole diventare ‘cancello d’ingresso’ dell’Expo

Turismo Torino punta ad aprire una biglietteria per Expo alla stazione di Porta Susa.
“Stiamo lavorando da mesi sull’accoglienza e la promozione degli eventi torinesi in occasione dell’Expo”, spiega Maurizio Montagnese, presidente di Turismo Torino.

Con l’istituzione della fermata dell’AV a Rho-Fiera, la distanza tra le due città è ridotta a 33 minuti. Da qui l’idea di realizzare una biglietteria ad hoc alla stazione torinese.

“Ne stiamo discutendo proprio in queste settimane – rivela Montagnese – e l’unico ostacolo è il criterio di distribuzione dei biglietti in fase di prevendita. È chiaro che Turismo Torino non può permettersi di acquistare grandi quantità di biglietti in anticipo. Dovremmo riuscire a sistemare una biglietteria per il periodo della manifestazione. In questo modo Porta Susa diventerebbe, di fatto, uno dei cancelli di ingresso di Expo 2015”.

“Il vantaggio potrebbe essere legato ai prezzi degli alberghi: l’area torinese è tradizionalmente più economica di quella milanese. Anche se – fanno notare da Turismo Torino – per alcune date di giugno la ricettività torinese comincia ad essere in difficoltà”. Il 21 giugno, infatti, è in programma a Torino la visita del Papa.

Sulla base di queste considerazioni le previsioni di Turismo Torino sono chiare: i 3 eventi religiosi (Ostensione della Sindone, visita del Papa e festa ad agosto per il bicentenario della nascita di don Bosco) dovrebbero portare almeno un milione di turisti in più rispetto allo scorso anno. Un altro milione aggiuntivo dovrebbe invece arrivare dall’effetto Expo, considerando che la manifestazione milanese dovrebbe attirare a Rho oltre 20 milioni di visitatori. 

News Correlate