lunedì, 28 Settembre 2020

Ancora in forse la fusione tra Aeroporti di Puglia e Gesac

La fusione tra le società Aeroporti di Puglia (per quasi il 90% di proprietà della Regione Puglia) e Gesac (che gestisce lo scalo di Napoli Capodichino) è stata ancora attuata.

“Ma si sta valutando se, e a quali condizioni, può essere realizzata una operazione societaria per altro in linea con le determinazioni adottate dalla Giunta Vendola in termini di privatizzazione. Il panorama nazionale ci rimanda a due scenari: la vendita di una quota di maggioranza o di minoranza ad un partner industriale o la nascita di un polo di aggregazione, un polo meridionale”. Lo ha detto Claudio Stefanazzi, capo di Gabinetto del governatore Michele Emiliano a conclusione di un vertice con rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

“Con i sindacati – ha precisato una nota dell’ente – è stato siglato un accordo per la costituzione di un tavolo di confronto sul futuro di Aeroporti di Puglia (Adp) che sarà convocato, in maniera preventiva, per valutare qualsiasi scelta strategica della società aeroportuale pugliese”. Stefanazzi ha inoltre aggiunto che la priorità resta garantire ai pugliesi e ai turisti lo stesso tipo di servizio se non, evidentemente, migliore. 

News Correlate