venerdì, 23 Aprile 2021

Sardegna, GdF mette sigilli a traghetti isole minori: non sono sicuri

Secondo la Guardia di Finanza le navi utilizzate in Sardegna per i collegamenti con le isole minori di San Pietro (Carloforte) e La Maddalena non sono sicure per le persone con mobilità ridotta come le donne in gravidanza, gli anziani e i pazienti affetti da disabilità fisica o intellettiva.
Tuttavia, nonostante questa carenza, grazie a una serie di stratagemmi le società armatrici sono riuscite a vincere la gara per i collegamenti, intascando contributi pubblici per milioni di euro.
Gli uomini del Nucleo di polizia economica e finanziaria hanno eseguito a Cagliari, Portoscuso, Calasetta, La Maddalena, Porto Torres, Sassari, Palermo, Reggio Calabria e Augusta (Siracusa) un decreto preventivo di sequestro nei confronti delle due società e dei due imprenditori che ne sono a capo, gli armatori Franco Del Giudice e il figlio Enzo Giorgio, mettendo sotto chiave traghetti, conti correnti e beni per 64 milioni di euro. I nomi degli imprenditori sono finiti nel registro degli indagati con le accuse di concorso in truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, turbativa d’asta, frode nelle pubbliche forniture, falso in atto pubblico e attentati alla sicurezza dei trasporti. Le due società e le navi sequestrate sono state affidate agli amministratori giudiziari nominati dal Gip per garantire la continuità nei collegamenti marittimi.
Le indagini sono partite nel 2019 e si sono concentrate sulla procedura di gara bandita dalla Regione Sardegna nel 2016 e aggiudicata dalla Delcomar per assicurare i collegamenti con le isole minori di San Pietro e La Maddalena per la durata di 6 anni con un importo totale di 70,1 milioni di euro. Secondo le accuse tra il 2016 e il 2020 la società di navigazione e gli indagati avrebbero percepito indebitamente 54,1 milioni di euro di contributi pubblici che oggi sono stati sequestrati per equivalente. Altri 9,9 milioni di euro, considerati profitto dei reati commessi, sono stati invece sequestrati alla società di noleggio delle imbarcazioni che ha assetto e management riconducibili ai due indagati.

News Correlate