Il tesoro celato dell’Hotel delle Palme: la riapertura è prevista in estate

Al momento è un cantiere ma i lavori di restauro della Mare Resort per restituire l’Hotel et Des Palmes alla sua antica bellezza stanno svelando decorazioni e bassorilievi nascosti da strati di intonaco. Il punto sui restauri, realizzati in accordo con la Soprintendenza ai Beni Culturali, di uno degli alberghi simbolo di Palermo è stato fatto a Palazzo Ajutamicristo.

“Per restituire l’albergo ai fasti del passato – dice Chiara Donà dalle Rose, coordinatrice del restauro al magazine.leviedeitesori.com – abbiamo fatto un intervento filologico, per ritrovare ciò che è stato ricoperto o modificato per quel che è possibile. L’hotel era stato fortemente sfigurato. Per esempio abbiamo trovato strati di calce sugli affreschi di Salvatore Gregorietti, rimosso falsi storici come il camino aggiunto negli anni Settanta del Novecento. Abbiamo fatto ricerche per vedere l’aspetto originale degli ambienti, usato per le pitture le stesse sostanze utilizzate all’epoca”.

I lavori sono divisi in due parti: il restauro delle decorazioni e la ristrutturazione dell’albergo. Nel primo settore sono impegnati una trentina di restauratori siciliani che dovrebbero terminare i lavori entro febbraio, in anticipo di due mesi sui tempi previsti. Il resto della ristrutturazione dovrebbe essere completato entro giugno, primi di luglio. La novità è la destinazione di una parte di albergo a condhotel, ovvero appartamenti di lusso i cui proprietari potranno usufruire dei servizi generali. Tutti i mobili soggetti a vincolo saranno restaurati e la stanza dove dormì Richard Wagner, che completò in questo hotel il Parsifal, formerà una suite intitolata al musicista tedesco.

Nato come villa privata degli Ingham, un corpo basso a due piani con un giardino d’inverno, il palazzo era stato poi comprato da Enrico Ragusa nel 1907 e trasformato in albergo con l’intervento dell’architetto Ernesto Basile.

News Correlate