Comuni Fioriti Sicilia a lavoro per itinerario green pensando alla Bit

I comuni siciliani aderenti al Circuito Nazionale dei Comuni Fioriti d’Italia puntano a proporsi nel panorama turistico con un’offerta unitaria mossa dal denominatore comune del motto “fiorire è accogliere”. Nei giorni scorsi, sindaci e amministratori dei Comuni Fioriti siciliani si sono incontrati a Sant’Agata di Militello per mettere a punto l’idea di un itinerario turistico “green” nell’armonia del concetto “slow life”. Esperienza che vede come partner anche l’Associazione “Vivo in Sicilia”.

Un importante input di sprone è stata l’apertura di dialogo con la Regione Siciliana iniziata nei mesi scorsi grazie agli incontri con l’assessore al Turismo Manlio Messina e l’assessore agli Enti Locali Bernardette Grasso. Mettere insieme le singole idee e trasformarle in realtà condivise, offrire al brand Sicilia un’occasione in più camminando insieme e non isolati. In questo senso i Comuni Fioriti si sono proposti per una partecipazione alla BIT Borsa Internazionale del Turismo che si terrà a febbraio a Milano ma anche ad altre iniziative che s’intendono fare in totale concertazione e programmazione.

“L’attenzione al verde e alla sostenibilità ambientale oggi è diventata un tema attuale e sulla bocca di tutti – sottolinea Michele Isgrò, vicepresidente Nazionale dei Comuni Fioriti – ma rappresenta il fulcro intorno al quale da anni si muovono le amministrazioni che credono alla filosofia dei comuni fioriti. Diventa quindi un’evoluzione naturale per questi comuni di fatto titolati a lanciare l’idea dell’itinerario turistico green siciliano. Nella nostra Isola in soli venti muniti è possibile trasferirsi dall’ambiente marino a quello montano, da quota zero a quota mille metri sul livello del mare, da panorami di tramonti mozzafiato sul mare di cristalline acque al verde incontaminato dei monti, con le tradizioni rurali e i tesori architettonici della storia siciliana. Se a questo uniamo il “Marchio per ambiente di Vita Comuni Fioriti”, quindi fioriture, accoglienza, pulizia, attenzione al decoro e sostenibilità ambientale, la proposta diventa evidentemente vincente”.

News Correlate