mercoledì, 2 Dicembre 2020

20 milioni per diversificare il turismo siciliano

Pubblicato sulla Gurs il bando per l’attuazione dei cosiddetti ‘Contratti di programma settoriale’

20 milioni di fondi regionali per le imprese turistiche, accanto ai 60 milioni per il settore manifatturiero, sono stati stanziati dall'assessorato regionale alle Attività produttive guidato da Linda Vancheri. Il bando per l'attuazione dei cosiddetti "Contratti di programma settoriale" è stato pubblicato sulla Gurs di venerdì 23 agosto 2013.  
Gli aggiudicatari, in base alla grandezza dell'impresa, potranno godere di un aiuto regionale fino al 75% dell'investimento. Per presentare le domande ci sarà tempi sino al trentesimo giorno dalla pubblicazione del bando. L'obiettivo della Regione è non solo quello di fare aprire nuovi alberghi ma di incrementare la diversificazione e la destagionalizzazione dei flussi per attrarre turisti tutto l'anno e non solo in estate. L'assessorato mira dunque ad offrire alle aziende la possibilità di creare nuove forme di attrattività turistica valorizzando i luoghi di eccellenza.
"L'esperienza – spiega Vancheri – ha dimostrato che non basta costruire alberghi ma che per migliorare l'offerta turistica si deve sfruttare l'enorme patrimonio culturale e non solo nelle forme classiche. Si possono presentare progetti per creare nuovi itinerari e filiere turistiche che aggreghino operatori di più settori". Le aziende potranno presentare progetti di musei-alberghi e percorsi nelle case-museo. Musei realizzati cioè nelle abitazioni che un tempo appartenevano a scrittori e letterati.
Si tratta di una sorta di patto tra imprese, consorzi e istituzioni pubbliche con l'obiettivo di sostenere le aziende che hanno già un mercato e vogliono riposizionarsi in maniera competitiva.
Secondo l'assessore, "il bando rappresenta un banco di prova per iniziare a pensare di scegliere questo tipo di strumento finanziario per la nuova programmazione comunitaria".

News Correlate