venerdì, 25 Settembre 2020

Pantelleria celebra tradizione millenaria vini passiti: torna Passitaly

Torna la manifestazione interamente dedicata alla celebrazione dei vini passiti naturali del Mediterraneo: è Passitaly che si svolgerà a Pantelleria dal 7 al 10 settembre. Due i focus principali di questa quarta edizione: la pratica agricola della vite ad alberello di Pantelleria, iscritta nel Registro dei Beni immateriali dell’Umanità dell’Unesco, che ne ha riconosciuto il suo valore storico-culturale e identitario; e l’istituzione del Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria, il primo riconosciuto in Sicilia, che tutela l’intero territorio dell’isola dove è praticata una viticoltura eroica.    Passitaly, oltre a dare la possibilità di degustare le produzioni più prestigiose di vini passiti dell’isola, consentirà di scoprire Pantelleria attraverso le diverse specificità del suo territorio Protagoniste dell’evento infatti saranno le aziende del Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini Doc dell’Isola di Pantelleria che durante il week end ospiteranno la delegazione della stampa invitata all’evento e il pubblico che potranno così vivere uno degli aspetti più emblematici dell’agricoltura pantesca.

In questi giorni, infatti si sta completando la vendemmia dello Zibibbo, il momento più bello per visitare l’isola ma anche il più importante per i contadini, impegnati nella raccolta dei grappoli sui terrazzamenti, nell’appassimento al sole e nella sgrappolatura delle uve passite, tutte fasi di una tradizione agricola millenaria condivise e vissute da un’intera comunità.

La manifestazione sarà l’occasione anche per celebrare il terzo anniversario del riconoscimento Unesco all’alberello di Pantelleria e la recente istituzione del Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria con una seduta pubblica straordinaria del consiglio comunale che si svolgerà venerdì pomeriggio. Previsti per il pubblico anche diversi appuntamenti con degustazioni, serate di musica e iniziative culturali.

News Correlate