lunedì, 30 Novembre 2020

Palmucci: auguri di Buona Pasqua allo Skal Palermo e agli operatori turistici

“Vi auguro una serena Pasqua in attesa di tempi migliori”: ha concluso così Giorgio Palmucci, presidente Enit, il suo intervento alla conviviale virtuale di Pasqua, organizzata in videoconferenza dalla Skal International Palermo ed a cui sono intervenuti i soci del sodalizio siciliano e il presidente nazionale dello Skal Armando Ballarin e il consigliere internazionale Antonio Percario, che hanno accolto l’invito formulato dal presidente del Club di Palermo, Toti Piscopo.

Un’occasione di riflessione sulle azioni di rilancio da intraprendere ma anche di confronto e conforto con il numero uno dell’Ente Nazionale per il Turismo che, attraverso lo Skal, ha voluto incoraggiare tutti gli operatori turistici e formulare tutti insieme gli auguri di Buona Pasqua.

“Sono vicino alla Sicilia – ha detto Palmucci – anche se mi trovo in isolamento in una località vicino la Svizzera, a nord della Lombardia. Quello che stiamo vivendo è un momento complicato e non sapremo quando finirà soprattutto dopo che ieri il premier Giuseppe Conte ha prorogato fino al 3 maggio le restrizioni. Intanto, con il sottosegretario Lorenza Bonaccorsi stiamo avviando un dialogo per lanciare delle misure a supporto del turismo da inserire nel decreto aprile. Perchè pochi operatori turistici riusciranno a sopravvivere se non ci saranno adeguati aiuti economici/finanziari.

Il mio è un ruolo istituzionale – ha aggiunto – sto parlando con tutte le associazioni e insieme alle Regioni ho partecipato alla video-call di martedì scorso a cui era presente anche l’assessore siciliano al Turismo, Manlio Messina. Un incontro positivo durante il quale le Regioni si sono dimostrate favorevoli a una promozione unitaria dell’Italia all’estero affidando all’Enit la campagna per riconquistare i mercati stranieri pur sapendo che il sentiment nei confronti dell’Italia resta immutato.

Entro la settimana prossima – ha spiegato – presenteremo un cruscotto di crisis management a disposizione delle categoria e degli operatori per vagliare il sentiment dei cittadini anche stranieri. Anche se nel 2020 penso che dovremo fare affidamento quasi esclusivamente sul turismo domestico. Difficilmente arriveranno turisti dai paesi esteri, considerando anche che le frontiere europee resteranno chiuse fino al 15 maggio. Nel frattempo dobbiamo prepararci per la ripresa, ripresa che ci sarà anche se ci saranno settori che partiranno prima e altri dopo, come il Mice che dovrà fare i conti e convivere con le nuove indicazioni sul distanziamento sociale e il divieto per gli assembramenti. Già da ora stiamo lavorando a delle linee guida dell’Oms su come gestire i flussi, anche in hotel, dalla reception ai ristoranti, alla sanificazione degli ambienti.

Voglio avere il polso della situazione che stanno vivendo gli operatori, e soprattutto basta sostenere che il turismo è l’oro, il petrolio del nostro Paese. Ora – ha concluso – vogliamo che i politici comprendano che il comparto che costituisce il 13% del pil va tutelato, aiutato e sostenuto”.

“Puntuale l’intervento di Palmucci e particolarmente apprezzata dai nostri Soci la sua sensibilità istituzionale – ha dichiarato a conclusione Toti Piscopo – un intervento all’insegna del realismo e dell’ottimismo, che ha dato nuove motivazioni sulle quali continuare ad operare a favore dell’intero settore”

News Correlate