mercoledì, 24 Aprile 2024

Aeroporto di Palermo, lavoratori ancora in stato di agitazione

Continua lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori di Gesap, la società che gestisce l’aeroporto di Palermo, che potrebbe portare ad azioni di sciopero. I sindacati hanno già avviato il tentativo di conciliazione in prefettura.

“Siamo stati costretti, con profondo rammarico, a ricorrere all’intervento del prefetto, come previsto dalla normativa, a causa della mancanza di confronto da parte di Gesap su questioni cruciali che riguardano la gestione del personale, l’inquadramento giuridico, la mancata attuazione del piano di formazione e riqualificazione professionale, il riassetto organizzativo e la contrattazione integrativa”, spiegano Fabio Lo Monaco, segretario Filt Cgil Palermo, Antonio Dei Bardi, segretario Fit Cisl Sicilia, Katia Di Cristina, segretaria Uiltrasporti e Domenico De Cosimo segretario Ugl T.A.

I sindacati fanno riferimento all’attuazione del Piano strategico e di formazione e riqualificazione, previsti nel contratto di espansione sottoscritto il 13 ottobre 2023. “In tale contesto – spiegano i segretari – le entusiastiche dichiarazioni da parte della governance di Gesap, sul costante incremento del traffico aereo e del numero dei passeggeri in transito, hanno il sapore di una beffa”. I sindacati ribadiscono “che non è più accettabile tale immobilismo ai danni dei lavoratori. Adesso attendiamo risposte da parte del cda di Gesap, in assenza delle quali, obtorto collo, ci troveremo costretti ad azioni di sciopero”.

News Correlate