A Sant’Alessio il turismo riparte all’insegna del coinvolgimento del territorio

Per rimettere in moto  una stagione che inevitabilmente partirà in ritardo, l’amministrazione comunale di San’Alessio ha affidato a un tavolo di competenze,su iniziativa dell’assessore al Turismo e alla Cultura, Virginia Carnabuci, il compito di individuare obiettivi e strategie per promuovere una stagione turistica messa a dura prova dagli effetti del Covid19.

I cinque esperti (Fulvia Toscano, direttore artistico di NaxosLegge ed esperta in programmazione culturale; Filippo Grasso, docente dell’Università di Messina ed esperto di turismo; Rosangela Todaro, esperta di ambiente e sostenibilità; Antonella Fede, esperta in pubbliche relazioni e organizzazione di eventi; Enrico Nicosia docente presso l’Università di Messina ed esperto in turismo) che hanno dato disponibilità a collaborare a titolo gratuito con l’Amministrazione, hanno messo a punto un ampio programma che nei prossimi giorni verrà presentato e che, a partire dall’estate 2020, si proietterà al 2021.

Inoltre, il Comune ha firmato tre protocolli d’intesa con altrettante associazioni, ciascuna delle quali offrirà ai turisti la possibilità di conoscere meglio il territorio attraverso insolite escursioni, ma anche partecipando a numerosi appuntamenti culturali.

Il progetto “Casa Sicilia”, ad esempio, promosso dall’Associazione “Le Officine di Hermes”, intende presentare, in una sorta di salotto a più voci, le diverse anime della nostra Isola. Un salotto che sarà fisicamente ubicato in uno spiazzo antistante l’ufficio turistico del Comune, sul  lungomare di Sant’Alessio, dove, a cadenza settimanale, si avvicenderanno ospiti cui è affidato il compito di raccontare la bellezza del territorio.

Turismo esperienziale è quanto offre invece “Isolani per caso”, la società nata con l’intento di offrire al visitatore una vacanza che gli permetta di entrare in relazione con la gente del luogo, diventando a sua volta “isolano”, toccando con mano usi e tradizioni presenti in tutto il territorio siciliano.

E infine, “Ciclabili siciliane”, l’Associazione che da anni promuove il cicloturismo in Sicilia e che affiancherà il Comune di Sant’Alessio nella promozione del territorio, offrendo ai visitatori la possibilità di conoscere un nuovo volto dell’Isola. Si potrà partire in mountain bike da Sant’Alessio e, attraversando la Valle D’Agrò e arrivare ai Peloritani e anche oltre. Un pacchetto di iniziative rivolte dunque a chi sceglie di viaggiare lentamente e consapevolmente, soffermandosi su ogni dettaglio.

“Il turismo post covid19 – spiega l’assessore Carnabuci – sembra essere più interessato alle piccole destinazioni come la nostra, dove i rapporti fra territorio ed ambiente sono autentici ed armonici. Per questo abbiamo voluto mettere in campo una serie di iniziative, in collaborazione con il nostro territorio, che ci diano la possibilità di ripartire e rilanciare questo settore per noi così importante”.

(foto FB Comitato Pro Sant’Alessio Siculo)

News Correlate