TESTMSL

Marsala, lavori al via entro sei mesi per il nuovo porto turistico

Finalmente sembra essere tutto pronto per la posa della prima pietra del nuovo porto turistici di Marsala. I lavori per il Marina di Marsala dovrebbe iniziare infatti entro sei mesi. La conferma arriva da Massimo Ombra, amministratore unico del MYR (Marsala Yacht Resort), la società che realizzerà la nuova struttura portuale. Nel corso dell’ultimo incontro alla Regione, è stato stabilito che entro il mese di febbraio sarà posto fine all’iter per la concessione delle aree demaniali che rientrano nel progetto del nuovo porticciolo turistico.

“Noi – dice Massimo Ombra su Gds.it – abbiamo iniziato a lavorare sul progetto del nuovo porto turistico fin dal 2008 e l’anno successivo abbiamo presentato il progetto secondo quanto previsto dalla Legge Burlando. Da parte nostra abbiamo fatto tutto quanto era previsto. Ormai siamo proprio agli sgoccioli con la Regione per la firma formale della concessione delle aree, l’atto che consente di venire in possesso delle aree demaniali che sono attorno alla struttura portuale”.

Il Marina di Marsala nascerà su una superficie complessiva pari a 316.863 mq, di cui 220.503 di specchi acquei e 96.360 mq di aree a terra, scrive marsalanews.it. Il progetto consiste nella realizzazione di una struttura di alto standard qualitativo dedicata alla nautica da diporto, con una grande capacità ricettiva che ne faranno uno dei principali scali del Mediterraneo. Previsti oltre 1.000 posti barca per yacht fino a 75 metri e un’ampia offerta di servizi turistici: club-house, piscina, solarium, ristorazione, negozi, agenzie, cantieri nautici, cala di alaggio con travel-lift, officine nautiche (veleria, ebanisteria, meccanica ed elettronica), servizi igienici e parcheggi e tanto altro per il rilancio turistico del bacino e dell’intera città.  

“Nei primi mesi del nuovo anno – conclude Ombra – pensiamo di ultimare l’area che ospiterà le imbarcazioni dedite alla pesca che sarà realizzata dove oggi vi è allocato il porticciolo turistico.  Contestualmente sarà realizzata la diga antimurale che ospiterà il traffico merci. Non appena ultimate queste due operazioni si interverrà nella parte restante del bacino portuale per renderlo idoneo al turismo nautico internazionale per imbarcazioni d’altura, fino a 100 metri di lunghezza, nonché la realizzazione di tutti quei servizi per la nautica da diporto ed i turisti”

News Correlate