sabato, 19 Settembre 2020

Palazzolo Acreide sotto i riflettori e Daverio prepara la querela

Riflettori accesi su Palazzolo Acreide, il borgo siciliano che nonostante sia stato premiato dal televoto nel corso del programma Il Borgo dei Borghi, si è visto soffiare il titolo da Bobbio, in Emilia Romagna. La questione, com’è ormai noto, è che a pesare sull’esito finale sia stato il voto della giuria composta, tra gli altri, dal critico d’arte Philippe Daverio, che nel 2018 era stato insignito di cittadinanza onoraria di Bobbio. E così dopo le varie polemiche che si sono susseguite nel corso della settimana, arriva la replica dello stesso Daverio, riportata su La Sicilia: “devo far causa all’onorevole locale (il deputato palermitano di Italia viva, Michele Anzaldi, ndr). È stato lasciato intendere che io abbia agito per interesse personale, una cosa gravissima. Una roba da denuncia”.

Intanto, il paesino siciliano prova a cogliere comunque questa importante occasione di visibilità e lo fa proponendo un ricco ventaglio di eventi per il ponte di Ognissanti. Durante il prossimo weekend, infatti, saranno aperte tutte le chiese, si potranno ammirare le splendide facciate barocche delle chiese di San Paolo e San Sebastiano, patrimonio dell’umanità. E ancora una visita all’area archeologica e ai musei servirà a rendersi conto dell’ampia offerta culturale che offre il paese. Il 31 ottobre la tradizione delle varette per onorare i Santi. Protagonisti saranno i bambini che porteranno in processione le miniature dei simulacri dei santi palazzolesi. Il 2 novembre l’omaggio ai defunti al cimitero monumentale con il complesso bandistico Akrai e il 4 novembre il ricordo dei caduti di tutte le guerre con il corteo al monumento che si trova al cimitero, con la deposizione della corona. Fino al 12 novembre sarà possibile ammirare pure la mostra d’arte di Simon Tylor che racconta con la pittura, la femminilità, vista da un uomo. Nel weekend sarà visitabile anche la mostra dedicata ai quarant’anni della casa museo Antonino Uccello nell’omonima struttura di via Macchiavelli e la chiesa dell’Immacolata con la madonna di Francesco Laurana, ritornata dal prestito a Matera, capitale europea della cultura.

“Se tanti scelgono di arrivare a Palazzolo – commenta l’assessore al turismo Maurizio Aiello – è perché siamo una destinazione che seduce. Il nostro paese è questo: atmosfere magiche che fanno innamorare chi arriva e decide di costruire qui un futuro. È il paese del buon vivere, il grido di battaglia di chi viene a stabilirsi qui contro la frenesia dominante. La nostra ospitalità fa sì che le migliaia di visitatori che anche quest’anno l’hanno scelto come meta per un viaggio di scoperta ne conservino un ricordo magico. Il lungo ponte dei Santi è l’occasione per farlo”.

News Correlate