lunedì, 8 Marzo 2021

Trenitalia penalizza la Sicilia, esperti mettono in guardia Musumeci

Prima della firma del nuovo contratto di servizio decennale con Trenitalia che vale 1,2 miliardi di euro, il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha voluto ascoltare direttamente dagli esperti di trasporti delle Università isolane le loro opinioni. Ecco perché ha incontrato i docenti trasportisti degli atenei di Palermo, Catania ed Enna, Giuseppe Salvo, Matteo Ignaccolo e Giovanni Tesoriere insieme all’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone e ai dirigenti del Dipartimento regionale, Fulvio Bellomo e Carmen Madonia.

“I siciliani – ha detto Musumeci – hanno il diritto di avere la stessa qualità del servizio che Trenitalia offre, da tempo, nelle altre Regioni italiane. Abbiamo già incontrato i rappresentanti dei pendolari e degli utenti e la bozza di contratto è stata anche sottoposta all’attenzione dei docenti delle università siciliane per avere un loro parere. Trenitalia deve iniziare a offrire servizi migliori. Le linee vanno potenziate e, nell’ottica di un’intermodalità treno-gommato, la presenze delle autolinee diventa essenziale per integrarsi con il trasporto ferrato, specie nelle aree sprovviste di binari”.

Da parte degli esperti è emersa la comune opinione che nel contratto vadano modificate alcune previsioni alquanto penalizzanti per la Regione e per i cittadini: dall’irrisorietà delle penali in caso di disservizi alla mancanza di informazioni per gli utenti; dall’esosità dell’aumento annuo delle tariffe al rischio che dei minori introiti dovuti a diminuzione dei passeggeri si debbano fare carico le casse pubbliche. E ancora la mancata previsione intermodale tra ferro e gommato, il restyling delle carrozze, il monitoraggio continuo sulla qualità del servizio. Per i docenti universitari, nel contratto proposto da Trenitalia non c’è un’idea innovativa per un rilancio delle ferrovie in Sicilia, quasi volendo mantenere un’arretratezza del servizio nell’isola.

Inoltre, a seguito dell’incidente ferroviario della settimana scorsa in Lombardia, Musumeci e Falcone hanno annunciato di avere inviato una nota a Rfi e Trenitalia per chiedere rassicurazioni sulla sicurezza della rete nell’Isola.

News Correlate