Firenze batte Sydney e acquisisce il 34° Congresso internazionale ICAS 2024 

Firenze vince la gara internazionale e acquisisce il 34° Congresso ICAS (International Council of the Aeronautical Sciences), in programma al Palazzo dei Congressi e al Palazzo degli Affari dal 9 al 13 settembre 2024, per cui sono attesi circa 1.000 delegati provenienti da tutto il mondo. La candidatura è stata vinta grazie a un lavoro di squadra fra Associazione Italiana di Aeronautica e Astronautica (AIDAA), AIM Group International, Firenze Convention Bureau, Firenze Fiera, istituzioni locali, università, enti di ricerca e importanti aziende di settore.
Firenze è riuscita a prevalere su un forte competitor del calibro di Sydney, grazie alla reputazione della società scientifica italiana e dell’intera community nazionale.
“ICAS è il più importante convegno di Aeronautica al mondo. Firenze 2024 sarà una occasione unica per   tutta l’Aeronautica Italiana (industria, università, centri di ricerca, distretti) per mostrare ai più importanti attori del pianeta i prodotti realizzati e le ricerche sviluppate  nel nostro Paese – sottolinea Erasmo Carrera, presidente AIDAA – AIDAA è davvero orgogliosa di essere riuscita a convincere la dirigenza ICAS a scegliere l’Italia e la città di Firenze per ospitare la 34-esima edizione del congresso. Questo è stato possibile solo con un eccezionale sforzo organizzativo che ha portato alla presentazione di una proposta di candidatura impeccabile e completa in ogni sua parte. Abbiamo ora il dovere e la responsabilità, tutti insieme, di onorare questa proposta facendo del nostro meglio nei prossimi quattro anni, affinché ICAS 2024 sia davvero un evento di grandissimo successo per l’Aeronautica Italiana e mondiale”.
“Siamo molto felici di portare a casa questa importantissima vittoria, soprattutto in un momento così difficile è un segnale positivo per la nostra destinazione e tutta la filiera turistico-congressuale fiorentina – dice Carlotta Ferrari, direttrice Destination Florence CVB -L’attività di candidatura, frutto di un intenso lavoro svolto insieme all’associazione AIDAA e i nostri soci AIM Group International e Firenze Fiera Congress & Exhibition Center, è risultata vincente e dimostra, ancora una volta, che il gioco di squadra è fondamentale per ottenere risultati concreti”.
“Lavorare insieme ad AIDAA e agli altri partner fiorentini per l’acquisizione di un congresso dall’elevato valore scientifico in questo momento storico di lockdown e blocco totale degli eventi a livello internazionale è stato per noi ancora più entusiasmante – dice Flaminia Roberti, Global Sales Director AIM Group International – Siamo convinti del valore garantito dagli eventi residenziali per tutti gli stakeholder (associazioni, membri, sponsor), così come siamo certi del fatto che, appena sarà passata la crisi, si tornerà a incontrarsi di persona. Ma siamo altrettanto convinti che nuovi format, ibridi e digitali, faranno ormai parte imprescindibile dei futuri meeting, con una differente definizione del Customer Journey ed esperienze che attingeranno anche dalle nuove tecnologie per amplificare le possibilità di networking e di engagement di tutti i fruitori degli eventi”.
“Mentre ci stiamo attrezzando per rimettere in moto in totale sicurezza l’industria degli eventi, importante moltiplicatore economico per il territorio, l’acquisizione del 34° Congresso ICAS allunga la lista degli eventi internazionali in calendario all’interno delle nostre strutture – dice Leonardo Bassilichi presidente di Firenze Fiera – e premia ancora una volta l’esclusività della nostra offerta per centralità, fascino e versatilità degli spazi, servizi innovativi e tecnologie all’avanguardia”.

News Correlate