venerdì, 26 Febbraio 2021

Neve da record all’Abetone, ma gli impianti sci restano chiusi 

Nessuno potrà godersi l’abbondante nevicata dei giorni scorsi all’Abetone, perché gli impianti di sci restano ancora fermi in base al nuovo Dpcm.
“Per le persone che lavorano qui, e devono portare un reddito a casa, è una tragedia che non si possa sciare – dice Alessandro Barachini, sindaco reggente di Abetone Cutigliano (Pistoia) – Il governo ha imposto di non aprire gli impianti e le date che ci vengono dette sono tutte campate in aria. Ci comunichino quando intendono riaprire sul serio. Abbiamo avuto la più grande nevicata da 40 anni – aggiunge il sindaco – non tanto per la quantità di neve caduta nella stagione ma per quella caduta in soli tre giorni. Ora la situazione è tranquilla e oggi abbiamo tanti turisti venuti a fare ciaspolate e scialpinismo. Vogliamo chiedere di capire se gli impianti di risalita sono chiusi per gli sciatori ma se possono essere aperti per chi sale in quota senza gli sci. Per noi sarebbe importante capire se è possibile prendere una seggiovia per raggiungere un rifugio”.
Per Rolando Galli, presidente della società Abetone funivie e Consorzio turistico Apm, “tutti speravamo di poter riaprire dal 18 gennaio. Capiamo i problemi della pandemia e siamo responsabili ma è una tragedia economica per tutta la montagna. La data del 15 febbraio segna una deadline, perché se ci sarà un ulteriore rinvio si potrà dire conclusa la stagione, in quanto sarà antieconomico aprire le stazioni solo per 15-20 giorni. Sul fronte dei ristori – aggiunge – al momento non ci sono notizie ma saranno fondamentali. Speriamo che il governo metta veramente sul piatto dei ristori reali o la montagna scomparirà dalla geografia turistica italiana”.

News Correlate