martedì, 22 Settembre 2020

Cogne si prepara a vivere un autunno ricco di tradizioni

L’inizio dell’autunno a Cogne è accompagnato ogni anno da appuntamenti tanto attesi quanto avvincenti, legati ad antiche tradizioni che segnano il passaggio delle stagioni.

Cogne diventa quindi la meta di piacevoli weekend che celebrano antichi usi e costumi insieme ai sapori del territorio, a stretto contatto con la natura.
Sabato 23 settembre è in programma la Battaglia delle Regine, festa popolare che ha cadenza annuale e nasce dagli scontri incruenti fra le bovine che nei pascoli, durante la transumanza, lottano istintivamente fra di loro per stabilire una gerarchia all’interno del gruppo, ed eleggere in maniera naturale la regina dell’alpeggio. A partire dalle 12.30, sui Prati di Sant’Orso, le mucche, dopo essersi studiate attentamente, si scontreranno in una lotta non violenta, spingendosi con le corna. Si aggiudica la vittoria chi riesce ad allontanare l’avversaria.
Sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre è in programma la Devétéya di Cogne. Come da tradizione, dopo un’estate passata all’alpeggio, l’ultimo sabato di settembre le vacche pezzate di razza valdostana rientrano a valle adornate dei bosquet, copricapi floreali ‘a tema’, precedute dai proprietari in costume tradizionale. Per domenica, 1 ottobre, è prevista la consueta Santa Messa e successiva sfilata in musica oltre alla benedizione degli animali. Durante tutto il weekend della Devétéya selezionati ristoranti di Cogne proporranno menù tematici – al costo fisso di 30 euro – ispirati alla tradizione gastronomica locale.
I pacchetti di soggiorno per la Devétéya partono da 125 euro a persona e includono il pernottamento nelle notti di venerdì e sabato con trattamento di B&B, una cena in musica (menù tipico, servizio a self service, il sabato sera), un pranzo tematico Les Saveurs de l’Alpage (presso i ristoranti convenzionati, sabato o domenica a pranzo), un souvenir de La Devétéya.
Sabato 14 e domenica 15 ottobre , tocca al ‘Lo Pan Ner’. La manifestazione, nata nel 2016 all’interno di un progetto italo-svizzero per la valorizzazione del patrimonio culturale immateriale, coinvolge oltre a Lombardia e Cantoni Grigioni, 50 comuni della Valle d’Aosta, per il mantenimento e recupero di una delle antiche tradizioni di panificazione. Sabato 14, in tutta la valle, verranno infatti accesi all’alba i vecchi forni dei villaggi, dove verrà preparato e cotto il tradizionale pane nero, un pane antico preparato con la segale, per poi essere venduto. A Cogne verrà sfornato anche il Mecoulin, tipico pane dolce, versione valdostana del classico panettone. www.cogneturismo.it

News Correlate