Sindaco Venezia usa immagine ‘notte in cella’ per scoraggiare casi degrado

Luigi Brugnaro, sindaco di Venezia, ha usato l’immagine di ‘una notte in cella’ per far fronte alle manifestazioni di degrado in città. Ha però tenuta distinta la questione del decoro dettata dall’urgenza d’agosto con quella più generale del problema dei flussi turistici. “Guai a demonizzare il turismo. Il turista non è una classe sono persone, una diversa dall’altra. E il comparto al momento, volenti o nolenti, è la prima industria della città”.   

“Su 150mila persone che arrivano a Venezia quasi tutti i giorni – ha dettoBrugnaro – ci sarà sempre chi si comporta male. È strumentale pensare che questo non possa più succedere, anche se si applicano le sanzioni. D’altronde, lo fanno anche i veneziani. Una sanzione di 100 euro non ferma chi vuole provare a fare il bagno in laguna”.

News Correlate