domenica, 17 Gennaio 2021

Cortina celebra la Grande Guerra in tre musei all’aperto

È il più esteso museo della Grande Guerra, costituito dai 3 musei all’aperto del Lagazuoi, delle 5 Torri e del Sasso di Stria. È l’omaggio che Cortina dedica alle montagne che portano i segni della Prima Guerra Mondiale.
Per l’occasione sono state restaurate le postazioni italiane e austroungariche sulle vette, che si snodano attorno a Passo Falzarego. Visitare questi luoghi è un modo inedito per far conoscere la storia a grandi e piccoli armati di caschi e torcia elettrica noleggiabili sul posto. I luoghi storici sono raggiungibili a piedi o con veloci impianti di risalita. Lungo trincee, postazioni e gallerie perfettamente restaurate si snodano sentieri per tutti i livelli. Nei giorni di pioggia percorrere le gallerie che attraversano le montagne del Lagazuoi e del Sasso di Stria, rappresenta anche una alternativa per divertirsi pur stando all’asciutto.    
Nel centenario del primo conflitto mondiale nell’area Lagazuoi 5 Torri si terranno una serie di eventi a partire dal 5 agosto quando il ‘Festival Dino Ciani’organizzerà una passeggiata al Museo all’aperto delle 5 Torri assieme allo storico Paolo Giacomel.
Venerdì 8 agosto il Festival Dino Ciani commemorerà il centenario dello scoppio della I Guerra Mondiale con una visita al caposaldo di Cima Gallina, dove si terrà il concerto dei maestri del Quartetto Nous. L’escursione, adatta a grandi e piccini, è particolarmente interessante perché abbina il tema storico (Prima Guerra Mondiale combattuta in alta quota), a panorami mozzafiato sulle cime più famose: Marmolada, Pelmo, Civetta, Tofana e il monte Lagazuoi. 
Nei venerdì 8/17/22 agosto sarà possibile raggiungere i rifugi Averau e Scoiattoli con la seggiovia delle 5 Torri che funzionerà dalle 19 alle 23. 

News Correlate