sabato, 15 Giugno 2024

Enit promuove siti Unesco del Veneto con l’influencer Anna Nooshin

L’Italia ed Enit in un percorso per valorizzare i siti UNESCO nel Veneto, regione che muove oltre 1 milione e 800mila visitatori dai Paesi Bassi. I territori toccati sono Padova, le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene e le Dolomiti. Per sviluppare esperienze di viaggio su misura è stata coinvolta l’influencer iran-olandese internazionale Anna Nooshin, iraniana di nascita e olandese d’adozione, nota nel mondo del lifestyle, della moda, della bellezza, dei
viaggi e delle cause umanitarie.
“Attraversare la Penisola con un sguardo esterno e innovativo restituisce nuove prospettive di viaggio e consente di sperimentare strumenti di comunicazione come i social network. Affidarsi a strumenti innovativi al passo con i tempi è un modo per restituire messaggi e immagini anche diverse dell’Italia vista con sguardi esterni e un approccio al racconto dell’identità di un Paese con una grande storia che può essere raccontata in modo sempre più attuale, più moderno, più virale”, dice Ivana Jelinic presidente e Ceo Enit.
La meta centrale di Anna Nooshin sarà quella del Sito delle Colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Patrimonio UNESCO dal 2019, che sta puntando molto sul turismo all’aria aperta, raccogliendo apprezzamento
crescente sia dai visitatori nazionali che internazionali e in particolare dai Paesi Bassi che rappresentano il 9% dei viaggiatori dell’area.
“Il turismo dai Paesi Bassi segna un andamento positivo. E siamo certi sia destinato ad aumentare significativamente grazie al programma di investimenti che il territorio sta promuovendo, ad esempio, sul mondo del biking, con la creazione di percorsi dedicati e l’organizzazione di gare dal respiro internazionale o del trekking, con l’inaugurazione, quest’anno, del cammino delle Colline del Prosecco e di una rete di 40 itinerari. Un turismo slow e sostenibile che renderà ancora più attrattivo il nostro Sito UNESCO”, sottolinea Marina Montedoro, presidente dell’Associazione per il patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene.

News Correlate