sabato, 19 Settembre 2020

Gardaland presenta i risultati delle partnership con Flixbus e Trenord e punta all’estero

Gardaland Resort, con i suoi 2 hotel Gardaland Hotel e Gardaland Adventure Hotel e il Gardaland SEA LIFE Aquarium, è una delle destinazioni turistiche più gettonate.

Il Parco Divertimenti, da sempre attento all’ambiente e allo sviluppo di un turismo ecosostenibile, negli ultimi anni ha incrementato le collaborazioni con vettori che forniscono forme di mobilità collettiva alternative al trasporto in auto e che quindi contribuiscono a ridurre l’uso dei mezzi privati per raggiungere il Parco.
Da evidenziare gli ottimi risultati raggiunti con il partner Flixbus che dal 2016 ha messo a disposizione numerose linee che collegano il Parco con le maggiori città del Nord Italia. Grazie alle linee in partenza da Merano, Bolzano, Udine, Trento, Rovereto, Bergamo, Milano e Torino, la start up tedesca ha raddoppiato i volumi rispetto allo scorso anno. In particolare le linee che hanno avuto maggior successo nel 2017 sono state quelle di Trento e Udine.
Per il 2018 è previsto un potenziamento delle linee con arrivo a Gardaland e alla stazione di Peschiera del Garda su tutto l’asse orizzontale del Nord Italia. Verrà poi ulteriormente sviluppata la collaborazione tra Flixbus e Gardaland Holidays, il TOche vende in esclusiva il pacchetto integrato viaggio in autobus e biglietto di ingresso al Parco ad una tariffa agevolata.
Ottimi risultati anche la collaborazione con Trenord che dal 2014 collega le principali città lombarde con la stazione di Peschiera del Garda dalla quale è poi possibile raggiungere il Parco grazie ad uno shuttle service gratuito ogni mezz’ora.
Nel 2018 è prevista un’altra novità per il TO, con un piano di collaborazione con gli altri Parchi del mondo Merlin a partire da Legoland Germania. Gardaland Holidays sarà così il TO di riferimento per le prenotazioni del mercato italiano che desidera visitare il Resort tedesco.
Continua infine il focus sui mercati stranieri, uno dei punti di forza degli ultimi anni di Gardaland. Grazie all’attrattiva del Lago di Garda, con turisti internazionali in costante crescita negli ultimi anni, il Parco gardesano ha puntato su una forte internazionalizzazione tanto che nell’ultima estate il 50% degli ospiti dei due hotel era straniero. Per il 2018 sono già stati stipulati accordi con i TO esteri di prima fascia con un focus importante su Germania, Austria, Olanda e Israele e l’obiettivo finale di diventare una destinazione turistica del divertimento, non solo per un pubblico italiano, ma anche per quello internazionale.

News Correlate