sabato, 5 Dicembre 2020

L’Isola di Albarella scommette sull’enogastronomia e sulle eccellenze del territorio

Una sfida, quella lanciata dall’Isola di Albarella agli studenti del master in cultura del Cibo e del vino dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, che ha visto arrivare risposte entusiaste: programmare un’offerta enogastronomica per ristoranti e bar dell’Hotel Capo Nord e del Golf Hotel per elevare il servizio e soprattutto legarlo al territorio, portando i propri ospiti a degustare consapevolmente le eccellenze locali del Delta del Po e del Veneto.
Una sfida a cui i giovani hanno risposto con talento, lanciando nuove proposte e spunti per implementare i menu, ma anche creare eventi di degustazione, incontri con i produttori locali, visite guidate, laboratori di cucina, ma anche proposte di layout grafico e comunicazione.
Idee preziose, che ora lo staff dell’Isola, guidato dal general manager Mauro Rosatti e il direttore dell’hotel Capo Nord e del Golf Hotel, Luigi Serravezza, elaboreranno per poter offrire agli ospiti dell’isola un servizio in più, basandosi sulla qualità delle materie prime e il format in cui vengono servite e puntando come sempre all’innovazione e all’eccellenza, senza dimenticare la tradizione. Tra i vari progetti, infatti, c’è proprio quello di abbinare alla ristorazione classica cene speciali con degustazioni del Delta: un modo per creare un ponte tra l’Isola e le valli del Po, dando vita a un legame che sta diventando sempre più stretto tra Albarella e il suo territorio.

 

News Correlate