mercoledì, 30 Novembre 2022

A Matera due giorni dedicati alla ricerca delle origini con la borsa Roots

‘Roots-in’, la Borsa internazionale del turismo delle origini, è in corso di svolgimento a Matera.  Otto i Paesi di provenienza (Brasile, Argentina, Canada, Messico, Stati Uniti, Regno Unito, Danimarca e Spagna) di 50 agenti di viaggio, possibili compratori di pacchetti turistici, che insieme a 200 operatori provenienti da 11 regioni italiane hanno presentato la propria offerta turistica in stand appositi. Dagli organizzatori dell’Agenzia di promozione turistica (Apt) della Basilicata l’idea di favorire “un confronto stabile e un’occasione di incontro tra domanda e offerta con spunti per amministratori e operatori”.
“Matera e la Basilicata saranno protagonisti di una iniziativa che ha l’ambizione di diventare un punto di riferimento per il turismo delle origini – ha detto il DG dell’Apt lucana, Antonio Nicoletti – Si tratta di una forma di turismo che potrà favorire soprattutto lo sviluppo delle aree interne d’Italia perché sono quelle che hanno sofferto maggiormente negli anni il fenomeno delle migrazioni e dello spopolamento. Il turismo delle origini può trasformare questo elemento negativo in una opportunità. Noi – ha continuato – abbiamo un esempio concreto nella figura di Francis Ford Coppola che è diventato una risorsa per Bernalda, luogo in provincia di Matera in cui erano nati i suoi antenati. Sono tanti gli italiani che si sono affermati all’estero, il nostro evento è dedicato proprio ai loro figli, nipoti e pronipoti per consentire loro di risalire alle radici dalle quali provengono. E questo di riflesso rappresenta opportunità di sviluppo per quei luoghi”.
“Potenzialmente abbiamo 25 milioni di turisti, da Brasile, Argentina, Canada, Messico e America, luoghi in cui sono tanti gli emigrati italiani, interessati a riscoprire le proprie radici – ha detto la responsabile per Enit dei mercati sudamericani, Veronica Laura Morello – e dietro ciascuno di questi potenziali viaggi ci sono una serie infinita di possibilità, soprattutto per far rivivere i piccoli borghi”.
Due i giorni di lavoro, al centro congressi UnaHotels a Borgo Venusio di Matera, che sono aperti ieri domenica 20 con un forum di approfondimento dei progetti del Pnrr, dedicati al turismo delle origini e alle aree interne, e ad aspetti più operativi, relazionandosi anche con le esperienze e le esigenze che esporranno gli operatori internazionali. Lunedì 21, invece, lo spazio è riservato agli operatori del tessuto ricettivo e turistico italiano, dall’accoglienza alla mobilità con il workshop ‘BtoB’.

News Correlate