Scalo Reggio, Sac in corsa per la privatizzazione

L’altra cordata è composta dal Gruppo Miro Radici

La Sac, in ATI con Interbanca, ed il Gruppo Miro Radici sono due le cordate che hanno risposto alla manifestazione di interesse per la scelta del socio privato che sottoscriverà azioni di nuova emissione della Sogas, la società che gestisce lo scalo aeroportuale di Reggio Calabria.
Soddisfatto l’amministratore unico della Sogas, Pietro Fuda. “Il fatto che due gruppi economici di questa caratura abbiano manifestato il proprio interesse ad entrare nella compagine societaria della Sogas – afferma – è un traguardo raggiunto dopo due anni di intenso lavoro, che stabilisce un nuovo record per lo sviluppo del nostro territorio. Si fronteggeranno da una parte una società di gestione aeroportuale, quella di Catania, sulle cui capacità non c’è nulla da aggiungere, supportata da un istituto bancario che fa parte del gruppo nazionale Banca Antonveneta e di quello olandese ABN AMRO; dall’altra un gruppo di livello internazionale, con un fatturato consolidato di circa 100 milioni di euro, che nel momento in cui ha aperto il proprio campo di azione al settore dei trasporti aerei ha chiamato come direttore generale dell’azienda Roberto Belloni, già direttore amministrativo Sea Milano e direttore generale dell’aeroporto di Orio al Serio”.

News Correlate