domenica, 18 Aprile 2021

Iberia, 15 giorni di sciopero tra febbraio e marzo

Rottura sindacati-compagnia su vertenza per 4.500 esuberi

Non si placa lo stato di agitazione proclamato dai sindacati dei lavoratori di Iberia. Tra febbraio e marzo sono stati proclamato quindici giorni di sciopero – cinque a febbraio e gli altri a marzo – contro il piano di ristrutturazione che prevede, tra l'altro, 4.500 licenziamenti (un quarto dei dipendenti) e riduzioni del salario fino al 25%.
La decisione è stata presa dopo il nulla di fatto nell'incontro tra azienda e sindacati presso il Servizio di mediazione e arbitraggio. Gli scioperi sono previsti dal 18 al 22 febbraio, dal 4 all'8 marzo e dal 18 al 22 marzo. Non ha aderito il sindacato dei piloti, Sepla, che ha un'altra vertenza aperta con Iberia.
Un blocco di sei giorni di sciopero era stato deciso a dicembre e poi 'congelato' ma i negoziati sul piano di ristrutturazione non hanno portato ad alcun accordo, nonostante l'azienda abbia detto di essere disponibile a ridurre i licenziamenti a 3.500 unità. 
Il piano di ristrutturazione fu presentato a novembre dalla International Airlines Group (Iag) – società nata dalla fusione tra British Airways e Iberia – in seguito al forte aumento delle perdite che dall'inizio dell'anno hanno superato i 262 milioni di euro.

News Correlate