mercoledì, 2 Dicembre 2020

Fit-Cisl chiede intervento del Governo sul trasporto aereo

“Il trasporto aereo italiano era già in crisi profonda prima dell’emergenza coronavirus, ma ora si rischia il disastro se il Governo non interviene rapidamente, anche con ammortizzatori sociali straordinari”. Ad affermarlo Monica Mascia, segretaria nazionale della Fit-Cisl.

“Già prima della pandemia – prosegue – continuavamo a registrare crisi aziendali, da ultima quella di Air Italy. Ora rischiamo l’estinzione del settore, che non possiamo permetterci perché il trasporto aereo è un asse portante su cui ricostruire la ripresa economica, a partire dal turismo e dal trasporto delle merci. È urgente che il Governo attivi ammortizzatori sociali straordinari per tutelare salari e occupazione di tutte le lavoratrici e i lavoratori del trasporto aereo, prevedendo, in particolare strumenti per dare adeguato sostegno economico alla categoria delle lavoratrici e dei lavoratori stagionali. Inoltre, è necessario proseguire il confronto sulle proposte del sindacato per un nuovo sistema dei trasporti, raccolte nel documento ‘Rimettiamo in movimento il Paese’, presentato nel mese di ottobre scorso ai ministeri competenti, in modo che al momento della ripartenza tutte le aziende possano competere puntando sulla qualità del servizio offerto e non sul dumping sociale e contrattuale, come facevano alcune imprese prima della crisi”, conclude Mascia.

News Correlate