mercoledì, 3 Marzo 2021

Sardegna, in arrivo code-sharing Meridiana-Alitalia

L’intesa consentirà di mantenere i voli della compagnia di bandiera

Un accordo di code-sharing tra Alitalia e Meridiana per risolvere la controversia relativa alle rotte di continuità territoriale tra la Sardegna e Roma e Milano. L’accordo, ancora non ufficiale, dovrebbe consentire alla compagnia di bandiera italiana di continuare a gestire i voli per la Sardegna. Già è arrivata una prima conferma da parte di Meridiana, che si è dichiarata disponibile “a valutare la definizione di un accordo commerciale” con Alitalia sui collegamenti Roma-Cagliari. La compagnia ha comunque specificato che “l’eventuale accordo di code-sharing, previsto dalla normativa sugli Oneri di Servizio Pubblico della Sardegna verrà perfezionato, in caso di raggiungimento dell’intesa tra le parti, soltanto nei prossimi giorni e successivamente presentato ad Enac per l’ottenimento della relativa autorizzazione”. In attesa di mettere a punto l’intesa commerciale, Alitalia sospenderà gli attuali collegamenti da Cagliari con Roma e Milano e i passeggeri che hanno già acquistato i biglietti o fatto prenotazioni per questi voli potranno viaggiare sui voli di Meridiana. Una volta definito l’accordo, Meridiana sottoporrà l’intesa all’Enac per ottenere il via libera alla gestione in code-sharing delle rotte in regime di continuità territoriale. Da quel momento, quindi, i viaggiatori potranno rivolgersi sia a Meridiana che all’Alitalia per prenotazioni e biglietti. In base a quanto trapelato in queste ore, sarebbe comunque emersa qualche difficoltà in merito all’accordo. In particolare, qualcuno teme i rischi di un eventuale ricorso al Tar da parte delle compagnie escluse, tra cui Easyjet e Ryanair. Quest’ultima, attraverso il responsabile della comunicazione, Peter Sherrard, ha giudicato “scandaloso che Alitalia sia stata ammessa sui voli con la Sardegna nonostante abbia presentato la domanda in ritardo” e quindi “sia stata riammessa attraverso Meridiana che ha presentato un’offerta corretta”.

News Correlate