domenica, 16 Maggio 2021

Estate, Enac: pax in calo a Fiumicino e Malpensa

Sulla stagione ha pesato la crisi di Wind Jet. Riggio: privatizzare scali del Mezzogiorno

Leggera flessione del traffico aereo passeggeri e crisi Wind Jet: questi i punti salienti del bilancio della stagione estiva 2012 negli aeroporti italiani presentato dal presidente dell'Enac Vito Riggio, dal direttore generale Alessio Quaranta e dal sottosegretario del ministero Infrastrutture e Trasporti Guido Improta.
Dal 21 giugno al 21 settembre, Fiumicino ha gestito quasi 11.500.000 passeggeri, con una flessione dello 0,4% rispetto all'anno precedente. A Malpensa, dall'inizio di giugno a fine settembre, si sono registrati oltre 7 milioni di passeggeri, in calo del 4,8% rispetto al traffico passeggeri degli stessi mesi del 2011. In compenso, però, anche nel momento di maggiore congestione, è stato riscontrato un generale miglioramento della qualità dei servizi, senza che si siano verificati episodi di particolari disagi e disservizi legati, ad esempio, alla riconsegna bagagli.
Sulla vicenda Wind Jet, l'Enac ha reso noto che dal 12 al 31 agosto i passeggeri in possesso di un biglietto Wind Jet sono stati 120.590, a settembre 70.147 e a ottobre 14.300 per un totale di 205.037. Di questi 66.443 sono stati riprotetti da Alitalia (di cui 30.299 su voli dedicati), 55.771 da Meridiana Fly, 17.200 da Livingston e 3 mila da Blue Panorama.
Tantissime le richieste pervenute all'Enac sulle modalità di rimborso del costo del biglietto non usufruito e per il recupero della tariffa pagata ad altri vettori per i voli sostitutivi. L'Enac ricorda che le richieste formali di applicazione delle misure previste dal Regolamento Europeo n. 261/2004 (mancata assistenza, rimborso biglietto, compensazione pecuniaria) vanno inviate direttamente alla compagnia Wind Jet. In caso di mancata risposta entro sei settimane, il passeggero può presentare reclamo all'Enac che procederà alla contestazione a Wind Jet della mancata applicazione del Regolamento Comunitario n. 261/2004 e all'irrogazione delle sanzioni previste.
Tutti i reclami finora pervenuti (alcune migliaia) sono in fase di istruttoria e a breve saranno emessi i primi provvedimenti sanzionatori. I passeggeri saranno comunque informati sull'esito del reclamo presentato.
Infine, Riggio ha lanciato un "allarme sugli aeroporti del Mezzogiorno che, anche a causa della crisi che colpisce gli enti locali" proprietari "che non sono in grado di ricapitalizzare, non sono in condizione di camminare con le proprie gambe se non entrano partner industriali privati". Riggio ha quindi indicato che è necessaria "una spinta verso la privatizzazione".

 

News Correlate